L'OPEC prevede un aumento della domanda nella seconda metà dell'anno

19:25 12 marzo 2021

Ieri l'OPEC ha pubblicato il suo rapporto mensile sulla situazione del mercato mondiale del greggio. Il rapporto mostra cambiamenti significativi in ​​termini di domanda: una forte riduzione della domanda nel primo semestre, ma grandi aumenti nella seconda metà del 2021. Di seguito sono riportate le parti più interessanti del rapporto:

La domanda nel primo semestre è stata ridotta di ca. 0,5 mbg, mentre nella seconda metà dell'anno è stato incrementato di quasi 1,4 mbg. Si può vedere che la Cina (+2,5 mbg) e l'Europa (+1,5 mbg) registreranno la crescita più elevata durante l'anno. La domanda negli Stati Uniti sarà relativamente stabile, ma ancora al di sotto dei livelli pre-pandemici. Fonte: OPEC
La produzione negli Stati Uniti aumenterà di meno di 1 milione di barili al giorno durante l'anno. Certo, in questo caso c'è un potenziale di crescita molto maggiore, visti i prezzi attuali. Tuttavia, a un certo punto sarà necessario un potenziale aumento dell'offerta globale se non vogliamo vedere un prezzo di $ 100 al barile. Fonte: OPEC
A febbraio, l'OPEC ha prodotto meno di 25 mbg. I prossimi mesi saranno simili in quanto l'Arabia Saudita taglierà la produzione di un ulteriore milione di barili al giorno. C'è ancora molto potenziale in Iran, che produce circa 2 mbd. Fonte: OPEC
L'ultima riga mostra le differenze tra la domanda globale di petrolio greggio e la produzione non OPEC e la produzione di altri prodotti petroliferi equivalenti al barile (NGL). Questa differenza si chiama "domanda di petrolio OPEC". Si può vedere che con un livello di produzione intorno ai 25 mbg, il potenziale deficit sul mercato può superare i 3 mbg. Con un deficit così forte, uno scenario in cui il prezzo del petrolio sale a 100 dollari al barile non è escluso, soprattutto se la produzione statunitense non rimbalza come previsto. Inoltre, si ipotizza una ripresa della produzione in Norvegia, Brasile o anche in Russia (anche se in questo caso l'OPEC ipotizza una crescita limitata). C'è quindi la possibilità che diversi fattori portino a un potenziale aumento del prezzo del petrolio greggio a circa $ 100 al barile. Tuttavia, questo non è lo scenario di base. Partiamo dal presupposto che l'OPEC aumenterà moderatamente la produzione. Tuttavia, al momento tutto indica che la tendenza al rialzo dovrebbe essere mantenuta, il che potrebbe far salire il prezzo del greggio Brent a circa 80 $ al barile. Tuttavia, un livello di prezzo così elevato verrà mantenuto artificialmente. Fonte: OPEC

Questo contenuto è stato creato da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA, con sede a Varsavia, Ogrodowa 58, 00-876 Varsavia, Polonia (KRS n. 0000217580) ed è supervisionato dall'autorità finanziaria polacca (KNM). M-4021-57-1 / 2005). Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A.non è responsabile per le azioni o le omissioni di alcun cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari, intraprese sulla base delle informazioni contenute nella presente comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri.

Condividi:
Precedente