Apple in calo del 2,5% dopo la sentenza antitrust

18:51 10 settembre 2021

Il titolo Apple (AAPL.US) è sceso di circa il 2,5% durante la sessione di oggi dopo la sentenza antitrust emessa dal giudice. Il gigante tecnologico statunitense è stato ordinato da un tribunale di consentire agli sviluppatori di indirizzare i consumatori a metodi di pagamento esterni per le app mobili: tale sentenza può essere vista come un duro colpo per il produttore di iPhone, in particolare per la redditività del suo App Store. Secondo Bloomberg, l'App Store incassa più di 20 miliardi di dollari all'anno con un margine di profitto superiore al 75%. Epic Games ha fatto causa ad Apple più di un anno fa per commissioni elevate nel suo App Store. Apple probabilmente si opporrà alla decisione.
Le azioni di Apple (AAPL.US) sono scese verso i 150 dollari, un importante livello a breve termine segnato da 2 massimi locali da luglio. L'area vicino a $ 144 potrebbe fungere da prossimo importante supporto. Vale sicuramente la pena osservare come si evolve la situazione in quanto Apple potrebbe effettivamente pesare sui risultati dell'S&P 500 a causa della sua enorme capitalizzazione di mercato. Fonte: xStation5

Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. XTB S.A. non è responsabile per eventuali azioni o omissioni del cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari. XTB non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi perdita o danno, anche senza limitazione, eventuali perdite, che possono insorgere direttamente o indirettamente, intrapresa sulla base delle informazioni contenute in questa comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri. Le prestazioni passate non sono necessariamente indicative dei risultati futuri, e chiunque agisca su queste informazioni lo fa interamente a proprio rischio.

Condividi:
Precedente