I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Azioni della settimana - Intel (21.03.2024)

19:57 21 marzo 2024

Intel (INTC.US) ha ricevuto ingenti finanziamenti ai sensi del Chips and Science Act degli Stati Uniti. La società riceverà quasi 20 miliardi di dollari in sovvenzioni e prestiti per espandere la capacità produttiva di semiconduttori negli Stati Uniti. Ciò potrebbe contribuire a migliorare le prospettive dell’azienda, che recentemente è rimasta indietro rispetto ai suoi concorrenti statunitensi. Diamo una rapida occhiata alle ultime notizie sulla società e alla sua valutazione!

Intel riceve quasi 20 miliardi di dollari dalla legge statunitense CHIPS

Inizia ad investire oggi o prova un conto demo senza rischi

Registrati per un conto reale PROVA UNA DEMO Scarica la app mobile Scarica la app mobile

Le azioni Intel (INTC.US) hanno guadagnato all'inizio di questa settimana dopo che è stato riferito che la società riceverà ingenti fondi dal governo degli Stati Uniti per espandere la capacità produttiva di semiconduttori. Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha proposto di fornire a Intel fino a 8,5 miliardi di dollari in finanziamenti diretti dal cosiddetto CHIPS Act per portare avanti i progetti di semiconduttori dell'azienda in Arizona, Ohio, Oregon e New Mexico. Oltre a ciò, è stato anche proposto di concedere a Intel fino a 11 miliardi di dollari in prestiti federali. Ultimo ma non meno importante, Intel ha anche affermato che intende richiedere il credito d'imposta sugli investimenti del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, che prevede di coprire fino al 25% degli investimenti qualificati di oltre 100 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni.

Sovvenzioni, prestiti e crediti d'imposta forniranno a Intel un finanziamento massiccio ed è probabile che la società vedrà investimenti molto più elevati nei prossimi anni. Non esiste una correlazione perfetta tra la crescita delle vendite di Intel e la crescita delle spese in conto capitale (CapEx), ma la crescita delle vendite tendeva ad essere positiva e ad accelerare nei momenti di accelerazione della crescita CapEx.

Fonte: Bloomberg Finance LP, XTB Research

L’azienda è in ritardo nel settore dei semiconduttori più ampio

Intel è stata una delle prime aziende statunitensi a firmare accordi di finanziamento preliminari ai sensi del CHIPS e del Science Act, volti a incrementare la capacità produttiva nazionale di semiconduttori negli Stati Uniti. La legge CHIPS fornirà finanziamenti per quasi 200 miliardi di dollari nel prossimo decennio, di cui 50 miliardi di dollari saranno stanziati per finanziamenti diretti per promuovere la produzione di semiconduttori. Questa è una grande opportunità per Intel, ma è anche un'opportunità per i suoi concorrenti.

Il 2023 è stato un anno molto positivo per i titoli dei semiconduttori, grazie alla mania dell’intelligenza artificiale sui mercati. Tuttavia, è stato un buon anno anche per Intel? Il primo grafico qui sotto mostra la performance dei titoli statunitensi di semiconduttori, nonché degli indici tecnologici e di mercato in generale dall'inizio del 2023 fino ad ora. Come si può vedere, Intel ha avuto performance piuttosto deboli, restando significativamente indietro rispetto ad aziende come AMD o Broadcom. Anche Intel è in ritardo rispetto a Nvidia, ma questa società è stata omessa dal grafico poiché la sua crescita gigantesca ha reso illeggibile il grafico. Il secondo grafico seguente mostra l’andamento degli stessi asset, ma con l’inizio del 2024 come punto di partenza. Intel ha ottenuto risultati ancora peggiori in questo confronto, essendo l'unico asset ad essere scambiato in ribasso da inizio anno.

Dall’inizio dell’anno precedente Intel è rimasta indietro rispetto ad altre grandi società statunitensi di semiconduttori, come AMD o Broadcom, nonché all’ETF VanEck Semiconductor. Fonte: Bloomberg Finance LP, XTB Research

L'inizio del 2024 non ha cambiato le sorti di Intel. L'azienda continua ad essere in ritardo ed è l'unica grande azienda statunitense di semiconduttori ad avere scambiato al ribasso da inizio anno. Fonte: Bloomberg Finance LP, XTB Research

Valutazione

Diamo una rapida occhiata alla valutazione di Intel con 3 metodi di valutazione spesso utilizzati: DCF, multipli e modello di crescita di Gordon. Vogliamo sottolineare che tali valutazioni sono solo a scopo di presentazione e non devono essere viste come raccomandazioni o prezzi target.

Metodo del flusso di cassa scontato

Cominciamo con il metodo del flusso di cassa scontato (DCF). Abbiamo eseguito una valutazione DCF semplificata, utilizzando le mediane di 5 anni come ipotesi nel modello. Per il valore terminale abbiamo ipotizzato un WACC terminale del 7% e un tasso di crescita dei ricavi terminali del 3%. L'orizzonte di analisi è stato fissato per 10 anni al termine dei quali è stato calcolato un valore terminale. Il metodo DCF con tali presupposti ci porta a una valutazione Intel di $ 48,75, ovvero circa il 15% in più rispetto al prezzo di chiusura di ieri. Il valore terminale rappresenta circa il 70% della previsione.

Tuttavia, come al solito, è necessaria una nota di cautela. Il DCF è altamente sensibile alle ipotesi formulate. Di seguito vengono fornite due matrici di sensibilità: una per le diverse ipotesi di margine operativo e crescita dei ricavi e una per le ipotesi di WACC terminale e crescita dei ricavi terminali.

Source: Bloomberg Finance LP, XTB Research

Fonte: Bloomberg Finance LP, XTB Research

Confronto di multipli

Passiamo ora al confronto multiplo per Intel. Innanzitutto, abbiamo creato un gruppo paritario di società statunitensi di chip tra cui Nvidia, IBM, Advanced Micro Devices, Qualcomm, Broadcom, Micron Technology, Microchip Technology, Analog Devices e Texas Instruments. Abbiamo esaminato 6 diversi multipli: P/E, P/S, P/BV, P/FCF, EV/Sales ed EV/EBITDA.

Dando un'occhiata alla tabella seguente, possiamo vedere che esiste una significativa volatilità nei multipli per i peer Intel, soprattutto quando si tratta di multipli P/E e P/FCF. Nvidia e AMD hanno gonfiato i multipli dopo il rally dello scorso anno, e ciò ha un impatto significativo sui calcoli medi. Detto questo, abbiamo deciso di utilizzare le mediane a fini di valutazione.

Le valutazioni mediane vanno da un minimo di 3,86 dollari per azione in caso di P/E a 185,71 dollari per azione in caso di P/BV. La valutazione utilizzando il multiplo P/FCF non può essere calcolata a causa del flusso di cassa libero negativo di Intel negli ultimi 4 trimestri. Prendendo una media troncata di tali valutazioni (escludendo quelle più alte e quelle più basse) ci fornisce una valutazione di 89,12 dollari per azione - ovvero oltre il 100% superiore alla chiusura di ieri.

Fonte: Bloomberg Finance LP, XTB Research

Modello di crescita di Gordon

Il terzo metodo di valutazione che utilizzeremo è il Gordon Growth Model, un metodo basato sui dividendi. Intel ha una lunga esperienza nel pagamento e nell’aumento dei dividendi. Tuttavia, la società ha effettuato un massiccio taglio dei dividendi all’inizio dell’anno precedente. Il pagamento trimestrale è stato ridotto da 0,365 dollari per azione a 0,125 dollari per azione. Si tratta di una riduzione del 65%! Tuttavia, guardando oltre questo taglio e utilizzando la crescita mediana dei dividendi a 5 anni come ipotesi di crescita dei dividendi e il costo medio del capitale a 5 anni come ipotesi del tasso di rendimento richiesto, ci fornisce una valutazione di $ 25,90 per azione o quasi il 40% inferiore al prezzo di chiusura di ieri.

Fonte: Bloomberg Finance LP, XTB Research

Uno sguardo al grafico

Ultimo ma non meno importante, diamo un'occhiata al grafico Intel (INTC.US). Dando un'occhiata al grafico nell'intervallo D1, possiamo vedere che il titolo ha testato la zona di supporto che va al di sopra del ritracciamento del 38,2% del movimento al rialzo lanciato nell'ottobre 2022 all'inizio di questa settimana, ma non è riuscito a scendere al di sotto. Un punto da notare è che questa zona segna il limite inferiore del trading range in corso. Una reazione positiva dal lato della domanda a questo ostacolo e il successivo rimbalzo suggeriscono che ora potrebbe seguire il movimento verso il limite superiore del range contrassegnato da un ritracciamento del 23,6% nell’area dei 45 dollari.

Fonte: xStation5

Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. XTB S.A. non è responsabile per eventuali azioni o omissioni del cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari. XTB non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi perdita o danno, anche senza limitazione, eventuali perdite, che possono insorgere direttamente o indirettamente, intrapresa sulla base delle informazioni contenute in questa comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri. Le prestazioni passate non sono necessariamente indicative dei risultati futuri, e chiunque agisca su queste informazioni lo fa interamente a proprio rischio.

Condividi:
Precedente
Xtb logo

Unisciti a oltre 1 Milione di investitori da tutto il mondo

Utilizziamo i cookie

Facendo clic su "Accettare tutti", acconsenti alla memorizzazione dei cookie sul tuo dispositivo per migliorare la navigazione del sito, analizzare l'utilizzo del sito e assisterci nelle nostre attività di marketing.

Questo gruppo contiene i cookie necessari per il funzionamento dei nostri siti. Prendono parte a funzionalità come le preferenze della lingua, la distribuzione del traffico o il mantenimento della sessione dell'utente. Non possono essere disabilitati.

Nome del cookie
Descrizione
SERVERID
userBranchSymbol Data di scadenza: 2 marzo 2024
adobe_unique_id Data di scadenza: 1 marzo 2025
test_cookie Data di scadenza: 8 settembre 2022
SESSID Data di scadenza: 2 marzo 2024
__hssc Data di scadenza: 8 settembre 2022
__cf_bm Data di scadenza: 8 settembre 2022
intercom-id-iojaybix Data di scadenza: 26 novembre 2024
intercom-session-iojaybix Data di scadenza: 8 marzo 2024

Utilizziamo strumenti che ci consentono di analizzare l'utilizzo della nostra pagina. Tali dati ci consentono di migliorare l'esperienza utente del nostro servizio web.

Nome del cookie
Descrizione
_gid Data di scadenza: 9 settembre 2022
_gat_UA-68598248-1 Data di scadenza: 8 settembre 2022
_gat_UA-121192761-1 Data di scadenza: 8 settembre 2022
_ga_CBPL72L2EC Data di scadenza: 1 marzo 2026
_ga Data di scadenza: 1 marzo 2026
AnalyticsSyncHistory Data di scadenza: 8 ottobre 2022
__hstc Data di scadenza: 7 marzo 2023
__hssrc

Questo gruppo di cookie viene utilizzato per mostrarti annunci di argomenti che ti interessano. Ci consente inoltre di monitorare le nostre attività di marketing, aiuta a misurare le prestazioni dei nostri annunci.

Nome del cookie
Descrizione
MUID Data di scadenza: 3 ottobre 2023
_uetsid Data di scadenza: 9 settembre 2022
_uetvid Data di scadenza: 3 ottobre 2023
_omappvp Data di scadenza: 20 agosto 2033
_omappvs Data di scadenza: 8 settembre 2022
_fbp Data di scadenza: 7 dicembre 2022
fr Data di scadenza: 7 dicembre 2022
muc_ads Data di scadenza: 7 settembre 2024
lang
_ttp Data di scadenza: 3 ottobre 2023
_tt_enable_cookie Data di scadenza: 3 ottobre 2023
_ttp Data di scadenza: 3 ottobre 2023
hubspotutk Data di scadenza: 7 marzo 2023

I cookie di questo gruppo memorizzano le tue preferenze che hai fornito durante l'utilizzo del sito, in modo che siano già presenti quando visiti la pagina dopo un certo tempo.

Nome del cookie
Descrizione
personalization_id Data di scadenza: 7 settembre 2024
UserMatchHistory Data di scadenza: 8 ottobre 2022
bcookie Data di scadenza: 8 settembre 2023
lidc Data di scadenza: 9 settembre 2022
lang
bscookie Data di scadenza: 8 settembre 2023
li_gc Data di scadenza: 7 marzo 2023

Questa pagina utilizza i cookie. I cookie sono file memorizzati nel tuo browser e vengono utilizzati dalla maggior parte dei siti per personalizzare la tua esperienza sulla rete. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Politica dei cookie Puoi gestire i cookie facendo clic su "Impostazioni". Se accetti il nostro utilizzo dei cookie, fai clic su "Accettare tutti".

Cambia regione e lingua
Paese di residenza
Lingua