Conferenza stampa di Lagarde - punti chiave

15:40 9 settembre 2021

Si è appena conclusa la conferenza stampa con il presidente della Bce Lagarde. Di seguito presentiamo alcuni punti chiave:

  • Fase di rimbalzo in ripresa sempre più avanzata
  • L'economia ha per lo più riaperto
  • L'economia dovrebbe tornare ai livelli pre-pandemia entro la fine dell'anno
  • Previsione del PIL:

    • La Bce vede una crescita del PIL nel 2021 al 5% (vs 4,6% nelle previsioni di giugno)

    •  

      La BCE vede una crescita del PIL del 2022 al 4,6% (contro il 4,7% delle previsioni di giugno)

  • La variante Delta potrebbe posticipare la piena riapertura dell'economia
  • Le pressioni inflazionistiche sono ora elevate, ma dovrebbero essere temporanee
  • Le prospettive di inflazione sono leggermente aumentate, le pressioni sui prezzi sottostanti stanno gradualmente aumentando
  • L'inflazione dovrebbe aumentare ulteriormente in autunno
  • I salari dovrebbero crescere solo moderatamente
  • L'inflazione a medio termine è ben al di sotto dell'obiettivo
  • Pronti per regolare tutti gli strumenti secondo necessità
  • Produzione frenata dalla carenza di approvvigionamento, carenza che frena la produzione
  • Se la pandemia peggiora e persistono i vincoli all'offerta, la crescita potrebbe essere ostacolata
  • Il successo della vaccinazione è la base per il recupero
     

Per quanto riguarda la sessione di domande e risposte, il presidente Lagarde ha risposto a più domande, tra cui il PEPP o l'inflazione:

  • La decisione non è tapering, ma ricalibrazione del PEPP
  • La Bce riduce gli aiuti, ma sostiene che lo stimolo continuerà
  • La decisione odierna sul ritmo del PEPP è stata unanime
  • Al termine del PEPP, il compito non è terminato
  • Non c'era discussione su cosa sarebbe successo dopo
  • Il dibattito sul PEPP sarà gestito a dicembre
  • L'effetto della base energetica è una componente significativa dell'inflazione
  • Dovremo aspettare e vedere come la compressione dell'offerta influisce sull'inflazione
  • Sto monitorando l'effetto della seconda ondata di inflazione
  • In termini di aumenti salariali, non stiamo vedendo molto
  • Prevediamo che i problemi verranno aggirati nella prima metà del 2022
  • Siamo piuttosto lontani dal porre fine all'acquisto di obbligazioni e dall'aumento dei tassi
  • Il sostegno fiscale deve essere continuato e deve essere più mirato

Fonte: Banca centrale europea

Fonte: Banca centrale europea

Questo contenuto è stato creato da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA, con sede a Varsavia, Ogrodowa 58, 00-876 Varsavia, Polonia (KRS n. 0000217580) ed è supervisionato dall'autorità finanziaria polacca (KNM). M-4021-57-1 / 2005). Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A.non è responsabile per le azioni o le omissioni di alcun cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari, intraprese sulla base delle informazioni contenute nella presente comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri.

Condividi:
Precedente