Il CO2 continua a far aumentare l'inflazione

18:39 12 gennaio 2022

L'aumento dei prezzi è diventato un vero problema in tutto il mondo. Possiamo cercare le fonti dell'inflazione quasi ovunque, ma il mondo presta attenzione principalmente all'aumento dei prezzi dell'energia. Questo è un problema nelle economie che non hanno accesso diretto alle risorse energetiche e la quota di energia rinnovabile è ancora insufficiente. Questi problemi sono ovviamente visibili nei paesi dell'Unione Europea.

La carenza di forniture e problemi di consegna hanno fatto salire i prezzi del petrolio al livello più alto dal 2014 e il gas in Europa è salito a livelli estremamente alti mai visti nella storia. Anche il carbone indesiderato è diventato costoso a causa dell'aumento dei prezzi di altre materie prime. Inoltre, le fonti alternative non erano in grado di fornire tutta l'energia necessaria.

I prezzi dell'energia sono in forte aumento
 

L'energia influisce su ogni aspetto della nostra vita e prima o poi sentiremo l'impatto dei suoi prezzi elevati praticamente su tutti gli aspetti della nostra vita. È quello che è successo in tutta Europa, dove l'inflazione nell'eurozona è salita al 5%, il livello più alto della storia. A sua volta, l'inflazione in Polonia ha raggiunto i livelli di oltre l'8%, che è stato osservato l'ultima volta all'inizio del decennio precedente.

Una creazione artificiale, conseguenze reali

Si scopre, però, che oltre ai prezzi elevati delle risorse energetiche, ci sono anche altri problemi! C'è carenza di materie prime in Europa, motivo per cui gli effetti dell'aumento dei prezzi sono molto più gravi che negli Stati Uniti. Tuttavia, con questi prezzi più elevati delle materie prime, i settori dell'energia e dell'industria europei devono affrontare un problema creato artificialmente sotto forma di permessi per le emissioni di gas serra.

I permessi di emissione di CO2 sono una creazione artificiale inventata dall'Unione Europea, il cui scopo è ridurre significativamente i gas nocivi rilasciati nell'atmosfera. Questi, ovviamente, sono prodotti principalmente dai settori dell'energia, del riscaldamento e dell'industria. L'Unione Europea sottolinea che le quote di emissione sono responsabili solo per il 20% del recente aumento dei prezzi dell'energia. Tuttavia, come ha dimostrato la realtà, i prezzi dell'energia rappresentano attualmente il 60% dei costi associati all'acquisto delle autorizzazioni alle emissioni!

Cos'è l'ETS?

L'ETS è il sistema europeo di scambio di quote di emissioni. È stato creato per costringere i settori dell'industria, dell'energia e dell'aviazione a ridurre le emissioni di gas serra. Il sistema assegnerà alcuni dei permessi gratuiti, a seconda del livello delle emissioni attuali e delle dimensioni dell'economia. La restante parte dei permessi è destinata alla vendita. Se una determinata società industriale o energetica non dispone di un numero sufficiente di autorizzazioni per le proprie emissioni, deve acquistare tale importo aggiuntivo alle aste nazionali o sul mercato secondario. Il trading primario avviene sulle borse ICE ed EEX, mentre il trading secondario, principalmente su futures, avviene su EEX, ICE e NYMEX.

Nella fase iniziale, il sistema non ha funzionato come previsto dai suoi ideatori, quindi si è deciso di ridurre notevolmente i permessi scambiati sul mercato e il numero di permessi concessi ogni anno è in diminuzione. Inoltre, a causa delle disposizioni della legge sulla proprietà, gli istituti finanziari possono operare sul mercato. Questi grandi giocatori possono scommettere se i permessi futuri varranno più o meno di quanto non valgano attualmente.

Vale la pena notare, tuttavia, che il sistema è stato progettato in modo tale da costringere il settore energetico e l'industria a trasformarsi, il che ha dato alle istituzioni finanziarie un alto grado di probabilità che i prezzi saliranno. Ciò ha portato a un'anomalia sotto forma di carenza di quote di emissione sul mercato che ha portato a un aumento dei prezzi. Il livello di 100 euro per un contratto per l'emissione di una tonnellata di CO2 non doveva essere raggiunto prima del 2030. In effetti, i prezzi si sono avvicinati a quel livello entro la fine del 2021!

Il sistema è inefficace?
 

L'idea di un sistema di emissioni non è negativa, ovviamente. Costringe i rami dell'economia più dannosi per il clima a trasformarsi e i singoli paesi devono stanziare fondi dalla vendita dei loro permessi per sostenere la trasformazione e mitigare gli effetti dell'aumento dei prezzi. Tuttavia, la realtà è spesso diversa, e alla fine sono i consumatori finali a sostenere il costo maggiore. Inoltre, l'ETS è uno dei sistemi più restrittivi, con una quota relativamente piccola di emissioni in tutto il mondo. L'Europa è responsabile di meno del 20% delle emissioni globali, mentre l'Asia è responsabile di oltre il 50% delle emissioni e la sua quota è in crescita. Naturalmente, vale la pena ricordare che le industrie in Europa e in Nord America si sono sviluppate prima dell'Asia. D'altra parte, le industrie europee e americane stanno perdendo competitività. Di conseguenza, le aziende del mondo occidentale, per problemi di emissioni, decidono di trasferire la produzione in altre parti del mondo.

Quali sono le prospettive per i prezzi EMISS?

I prezzi delle quote di emissione sono aumentati notevolmente negli ultimi 4 anni, con i maggiori aumenti nel 2021, quando i prezzi hanno superato i 90 EUR per contratto. Molte analisi indicano che nei prossimi 2 anni i prezzi potrebbero raggiungere una media di 100 euro, anche se vale la pena ricordare che all'inizio dello scorso anno nessuno si aspettava che il prezzo salisse a 50 euro per contratto. È possibile che, a causa della natura altamente speculativa di questo mercato, i prezzi possano sorprendere i partecipanti più di una volta. D'altra parte, vale la pena ricordare che quando il prezzo oscillava intorno ai 20-30 euro, il settore energetico ha iniziato a passare a gas più costosi, ma con meno emissioni. A loro volta, intorno al livello di 40-50 EUR, i progetti eolici iniziano a diventare redditizi. I prezzi sono attualmente aumentati anche da problemi temporanei di carenza e prezzi elevati del gas, costringendo i paesi a passare a carbone a maggiore intensità di carbonio. I prezzi potrebbero diminuire, sebbene le normative locali in Germania o nei Paesi Bassi non consentano lo scambio di emissioni al di sotto di 60 EUR.

Puoi scambiare permessi di emissione di CO2 sulla piattaforma xStation5 tramite CFD con il simbolo EMISS. Il CFD è uno strumento derivato per fare trading di emissioni di CO2 grazie all'accesso alla leva finanziaria, che consente a un investitore di utilizzare meno capitale per ottenere una maggiore esposizione a uno strumento sottostante. Naturalmente, tieni presente che questo è un mercato altamente volatile e grandi fluttuazioni possono portare alla perdita di capitale.

Il sistema cambierà?
 

Aumenti significativi dei prezzi delle quote di emissione hanno portato a proteste da parte di alcuni paesi e industrie. Le economie basate sul carbone, come Polonia, Repubblica Ceca e Spagna, richiedono modifiche al sistema ETS. Indicano che gli istituti finanziari sono i principali responsabili dell'aumento dei prezzi e vogliono introdurre determinate restrizioni per loro. Queste istituzioni sono responsabili di oltre il 50% delle negoziazioni dei contratti, il che indica che hanno un enorme impatto sui prezzi. Allo stesso tempo, il regolatore europeo non ha riscontrato alcun problema quando si tratta di manipolazione dei prezzi, quindi al momento non dovremmo aspettarci un rapido cambiamento del sistema, in particolare, poiché l'Unione Europea vuole raggiungere l'ambizioso obiettivo di ridurre le emissioni del 55% entro la fine di questo decennio, rispetto al 1990.

Questo contenuto è stato creato da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA, con sede a Varsavia, Prosta 67, 00-838 Varsavia, Polonia (KRS n. 0000217580) ed è supervisionato dall'autorità finanziaria polacca (KNM). M-4021-57-1 / 2005). Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A.non è responsabile per le azioni o le omissioni di alcun cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari, intraprese sulla base delle informazioni contenute nella presente comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri.

Condividi:
Precedente