Apri un conto reale Apri un conto Demo

Le azioni scendono mentre i colloqui commerciali tra Cina e Stati Uniti vengono ritardati

14:15 14 marzo 2019

Sommario:

  • Nessun accordo commerciale USA-Cina questo mese

  • I parlamentari del Regno Unito dovrebbero cercare l'estensione dell'articolo 50

  • Crescita tedesca in forte calo

C'è stato un rapido crollo nei mercati azionari europei e nei futures statunitensi negli ultimi trades dopo la notizia che un incontro tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente Xi Jinping è stato ritardato, perdendo le speranze di porre fine alle tensioni di questo mese. La notizia non è un grande shock negativo in sé, ma con i mercati azionari su entrambe le sponde dell'Atlantico vicino ai massimi da inizio anno arrivano in un momento potenzialmente cruciale e metterà alla prova il coraggio dei bulls che hanno goduto del controllo negli ultimi mesi.

La Sterlina si ritira in un trading instabile

Dopo aver tentato di rompere verso l’alto la scorsa notte, stamattina c'è stata un po’ di ritirata nella sterlina con la giostra della Brexit che mostrava un piccolo segnale di fermarsi presto. A prima vista, il voto parlamentare la scorsa notte non ha fatto sparire un possibile accordo, e in seguito la casa dei comuni voterà probabilmente a favore di un'estensione dell'articolo 50. Il problema che rimane per il Regno Unito è che mentre il parlamento ha segnalato cosa non vogliono, con voti contrari sia al patto di maggio che al patto di non-accordo, non hanno ancora indicato una netta maggioranza per quello che vogliono - a parte più tempo per decidere.

 

I parlamentari sanno cosa NON vogliono...

C'è qualche speculazione sul fatto che i parlamentari avranno a breve una serie di voti indicativi per esprimere la loro opinione su una serie di alternative alla Brexit, ma c'è una buona possibilità che, piuttosto che vedere il Parlamento unirsi dietro un piano chiaro, semplicemente andrà a sottolineare ulteriormente come i legislatori siano spaccati e divisi. La sterlina rimarrà probabilmente molto sensibile al rischio principale nel prossimo futuro, ma con la gamma di risultati che apparentemente vanno dall'offerta della May a versioni sempre più tenui della Brexit, molti dei peggiori rischi al ribasso vengono valutati in base alla valuta e questo potrebbe spianare la strada per ulteriori guadagni.

Crescita tedesca in forte calo

Un gruppo di esperti di Monaco di Baviera ha tagliato le previsioni di crescita per il 2019 per la più grande economia della zona euro, con il PIL ora visto allo 0,6% dall'1,1% precedente. L'Ifo Institute ha offerto una visione piuttosto debole delle prospettive future, con previsioni ben al di sotto dell'1,5% visto nel 2018, che a sua volta rappresentava il ritmo più lento della crescita in cinque anni. Nonostante le notizie, il DAX30 (DE30 su xStation) è stato tradato vicino al suo livello più alto del mese a 11635 ma poco dopo il mercato ha preso una brutta piega sulle notizie USA-Cina.

Il Dax30 tedesco è crollato nell'ultima ora sulle notizie USA-Cina. A lungo termine il mercato rimane in una vasta gamma da circa 11390-11700. Fonte: xStation

 

Questo contenuto è stato creato da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA Questo servizio è fornito da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA (società per azioni X-Trade Brokers Brokerage House), con sede legale a Varsavia, Ogrodowa 58, 00 -876 Varsavia, Polonia, (numero di KRS 0000217580). X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A. svolge attività di intermediazione sulla base della licenza concessa dalla Securities and Exchange Commission polacca l'8 novembre 2005 n. DDM-M-4021-57-1 / 2005 ed è supervisionata dall'autorità di vigilanza polacca.

Questo rapporto è fornito esclusivamente a scopo informativo e di marketing. Qualsiasi opinione, analisi, prezzo o altro contenuto non costituisce un consiglio o una raccomandazione di investimento. XTB non accetterà alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni, inclusa, a titolo esemplificativo, qualsiasi perdita di beneficio, che potrebbe derivare direttamente o indirettamente dall'uso o dall'affidamento di tali informazioni.

Condividi:
Precedente