Newsletter Cripto: Nuova criptovaluta Cinese in arrivo

16:55 15 agosto 2019

Sommario:

  • Secondo quanto riferito, la banca centrale cinese è vicina all'emissione della propria criptovaluta
  • L'India rischia di soffrire una volta che il governo vieta le criptovalute
  • Bitcoin continua ad avvicinarsi al 75DMA

PBoC emetterà la sua valuta digitale

Tutti coloro che sono interessati alle criptovalute devono essere felici con le ultime grandi novità provenienti dalla Cina che sono arrivate all'inizio di questa settimana. Vale a dire, secondo Mu Changchun, vicedirettore del dipartimento dei pagamenti della Banca popolare cinese, l'istituzione è quasi pronta a emettere la sua criptovaluta. Ricordiamo che la banca centrale cinese ha lavorato sulla propria valuta digitale negli ultimi cinque anni. Inoltre, non è stato il solo a farlo in quanto ricerche simili sono state condotte in altre banche centrali del mondo. La Riksbank svedese potrebbe essere un buon esempio qui (riflette su una soluzione del genere a causa del fatto che il paese è considerato il più senza contanti al mondo: più persone hanno accesso a una carta di pagamento che a contanti, secondo CNBC). Tornando all'argomento della Cina, notiamo che Pechino probabilmente lancerà la sua criptovaluta attraverso un sistema a due livelli (sia la banca centrale che le banche commerciali sarebbero emittenti legittimi). Ciò che potrebbe essere particolarmente importante, una nuova criptovaluta non si baserebbe esclusivamente sulla blockchain, mantenendo invece una posizione più neutra quando si tratta di tecnologia.

Possibile colpo per l'India

Non vi è dubbio che i paesi asiatici sono in cima quando si tratta di sviluppare nuove tecnologie, quindi il loro impatto su tali tecnologie (con quale velocità, se possibile, si svilupperebbero) potrebbe essere significativo. L'India è tra questi paesi e abbiamo scoperto che il paese potrebbe subire una grande perdita se le valute digitali fossero vietate del tutto lì. Vale a dire, in questo caso l'India potrebbe perdere fino a $ 12,9 miliardi , secondo Sidharth Sogani, CEO della società di ricerca di cripto e blockchain Crebaco Global. D'altra parte, afferma che è piuttosto improbabile che il Paese vieterà il trading di criptovalute, invece le autorità dovrebbero regolarlo. Ha detto, riferendosi a ciò che le autorità indiane potrebbero fare: "Dovranno regolarlo, perché se non lo fanno, solleverà una domanda su come implementeranno un divieto su una popolazione di 130 Crore [.. .] Non sembrano avere i meccanismi per farlo, dato che l'India è un paese di 1,3 miliardi di persone. ”Ricordiamo che una proposta per vietare le criptovalute in India è nata alla fine di luglio. Da allora non è stata presa alcuna decisione.

Il Bitcoin trada al ribasso
Bitcoin trada ribasso negli ultimi giorni e si sta avvicinando al suo importante supporto sotto forma di 75DMA. Questa linea insieme a $ 9500 potrebbe essere l'area in cui i rialzisti potrebbero cercare un cambiamento nell'attuale tendenza a breve termine. Fonte: xStation5

Questo contenuto è stato creato da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA, con sede a Varsavia, Ogrodowa 58, 00-876 Varsavia, Polonia (KRS n. 0000217580) ed è supervisionato dall'autorità finanziaria polacca (KNM). M-4021-57-1 / 2005). Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A.non è responsabile per le azioni o le omissioni di alcun cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari, intraprese sulla base delle informazioni contenute nella presente comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri.

Condividi:
Precedente