Titolo della settimana: Netflix (22.04.2021)

16:31 22 aprile 2021

Il prezzo delle azioni di Netflix (NFLX.US) è ​​crollato di oltre il 7% durante la sessione di Wall Street mercoledì. Un forte movimento al ribasso può essere attribuito al rapporto sugli utili della società per il primo trimestre del 2021, pubblicato dopo la chiusura della sessione di martedì, che i mercati hanno ritenuto deludente. Tuttavia, era davvero così negative? Diamo uno sguardo più da vicino.

L'aumento degli abbonati delude
Netflix ha registrato un aumento del 24,2% su base annua delle entrate del primo trimestre a 7,163 miliardi di dollari, un risultato leggermente superiore alle previsioni di 7,136 miliardi di dollari. L'utile netto è balzato da $ 709,1 milioni nel primo trimestre del 2020 a $ 1,706 miliardi nel primo trimestre del 2021 (previsto $ 1,35 miliardi). Di conseguenza, l'utile per azione è balzato da $ 1,57 a $ 3,75 (previsto $ 2,98).

Riassumendo, i risultati finanziari per il primo trimestre del 2021 sono stati molto migliori di quanto previsto dal mercato. Perché le azioni di Netflix sono crollate allora? L'azienda non è riuscita a fornire le nuove aggiunte di abbonati. Netflix ha registrato un aumento netto di 3,98 milioni di abbonati durante il primo trimestre del 2021, rispetto alla previsione della società di 6 milioni. Mentre un grosso errore rispetto alle stime di mercato non è mai una cosa desiderata, la situazione è ancora più brutta quando un'azienda perde significativamente le proprie stime. La direzione sembra aver imparato una lezione, ha pubblicato una previsione molto prudente per il secondo trimestre del 2021 - aggiunta netta di 1 milione di abbonati. Se confermato, segnerebbe la più piccola aggiunta dal terzo trimestre 2014, quando la crescita degli abbonati era negativa.

La crescita degli abbonati Netflix è rallentata in modo significativo all'inizio del 2021. L'azienda ha registrato un'aggiunta netta di 3,98 milioni di abbonati nel primo trimestre del 2021, rispetto alla previsione della società di 6 milioni. Fonte: Bloomberg, XTB
 

È davvero così brutto e deludente?
 

La crescita degli abbonati è rallentata in modo significativo, ma gli investitori dovrebbero tenere presente che la crescita è salita alle stelle nel 2020. Le persone hanno trascorso più tempo a casa durante i lock down e si è rivelato un importante impulso per Netflix. Poiché le restrizioni sul coronavirus vengono revocate o non sono così severe come una volta, non dovrebbe sorprendere che le persone abbiano meno tempo per guardare film o serie. I dati sugli abbonati sono stati deludenti poiché la direzione ha fissato un livello elevato con la sua guida, ma non è stato male. Dopotutto, Netflix aveva un record di 207,6 milioni di abbonati alla fine del primo trimestre del 2021, un aumento del 24% rispetto alla fine del quarto trimestre del 2019 prima della pandemia. Inoltre, si prevede che la variazione netta degli abbonati rimarrà positiva nel trimestre in corso.

Un altro punto da notare è che mentre l'eliminazione dei blocchi ha rallentato la crescita degli utenti, ha anche accelerato il ritmo di produzione di nuovi film e serie. Le aggiunte all'offerta di streaming possono quindi aiutare a trattenere gli abbonati e ad attirarne di nuovi.

Un grande gap di prezzo ribassista al lancio della sessione di Wall Street di ieri sembra preoccupante. Tuttavia, le azioni Netflix sono riuscite a rimanere al di sopra dell'area di $ 500, che è servita da supporto nella seconda metà di marzo. Il limite inferiore della struttura Overbalance può essere trovato leggermente inferiore a $ 486. In teoria, fintanto che il prezzo rimane sopra i 486 $, il trend rialzista continua. Le azioni sono leggermente al rialzo nel trading pre-mercato di oggi. Fonte: xStation5

Questo contenuto è stato creato da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA, con sede a Varsavia, Ogrodowa 58, 00-876 Varsavia, Polonia (KRS n. 0000217580) ed è supervisionato dall'autorità finanziaria polacca (KNM). M-4021-57-1 / 2005). Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A.non è responsabile per le azioni o le omissioni di alcun cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari, intraprese sulla base delle informazioni contenute nella presente comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri.

Condividi:
Precedente