Che cos’è il Forex?

4 minute(s)

Chiamato semplicemente, forex – conosciuto anche come FX o cambi valutari –  è il cambio di una valuta per un’altra ad un prezzo concordato. Si tratta di un mercato decentralizzato in cui le valute mondiali vengono negoziate come uno strumento “over the counter” (OTC, il che vuol dire che le transazioni sono rapide, a poco prezzo, e vengono completate senza la supervisione di una Borsa.

Chiamato semplicemente, forex – conosciuto anche come FX o cambi valutari –  è il cambio di una valuta per un’altra ad un prezzo concordato. Si tratta di un mercato decentralizzato in cui le valute mondiali vengono negoziate come uno strumento “over the counter” (OTC, il che vuol dire che le transazioni sono rapide, a poco prezzo, e vengono completate senza la supervisione di una Borsa.


Il Forex non dorme mai

Essenzialmente il, forex trading è l’atto di speculare sui movimenti delle modifiche dei prezzi acquistando una valuta vendendone nel frattempo un’altra. I valori delle valute salgono (si apprezzano) e scendono (si deprezzano) l’uno contro l’altro a causa di un numero di fattori economici, geopolitici e tecnici.


Il Forex è un mercato tradato globalmente, aperto 24 ore al giorno, cinque giorni a settimana (dal lunedì al venerdì). Esso segue il Sole nel suo giro intorno alla Terra, aprendo il  lunedì mattina a Wellington, Nuova Zelanda, prima di progredire sui mercati asiatici a Tokyo e Singapore. Successivamente, si muove verso Londra prima di chiudere il venerdì sera a New York.

Anche se il mercato è chiuso dal venerdì alla domenica, accade sempre qualcosa che si farà sentire sulla varie valute all’apertura del lunedì.

 

Non c’è mercato più vasto

Il Forex è il mercato con più negoziazioni al mondo con un turnover medio superiore a 5 mila miliardi di dollari al giorno. Ciò significa che i prezzi delle singole valute hanno un valore che fluttua costantemente uno contro l’altro, creando svariate opportunità di trading per gli investitori in modo che ne possano trarre vantaggio.

Raramente una coppia valutaria avrà lo stesso valore di un’altra, ed è altrettanto raro che una coppia valutaria manterrà lo stesso valore relativo per più di un breve periodo di tempo.

 

(Image: Who trades forex - market participants)

Potresti non saperlo, ma probabilmente hai fatto parte del mercato forex almeno una volta nella vita.Diciamo che stai progettando una vacanza negli Stati Uniti ed hai bisogno di cambiare la moneta da spendere da sterline (GBP) in dollari USA (USD).

Il lunedì, trovi uno speortello cambi e vedi che il tasso di cambio GBP/USD è $1.45. Ciò significa che per ogni sterlina che cambi, riceverai un corrispettivo di $1.45. Tu spendi £100 tper avere $145.

Tuttavia,  alcune settimane dopo ripassi allo stesso sportello di cambio e noti che l’ultimo tasso di cambio per  GBP/USD è ora $1.60. Con le tue £100 avresti ora ricevuto  $160:  un extra di $15 – se avessi saputo aspettare che la sterlina incrementasse il proprio valore contro il dollaro.
 

I fondamenti del forex trading

I tassi di cambio delle valute fluttuano continuamente per vari fattori come la forza dell’economia di un Paese. Quello che i forex traders cercano di fare è un profitto su tali fluttuazioni speculando quando i prezzi andranno ad aumentare o diminuire.

Tutte le coppie valutarie sono valutate una contro l’altra. Ogni coppia valutaria ha una ‘base’, che è la prima valuta contrassegnata, ed una  ‘quota’, che è la seconda valuta contrassegnata.


Ogni valuta dovrebbe rafforzarsi (apprezzarsi) o indebolirsi (deprezzarsi). Siccome in ogni coppia ci sono due valute, vi sono essenzialmente quattro variabili su cui speculare quando si parla del forex trading.

Se si crede che il valore di una valuta aumenterà rispetto all’altra, si va long o si “acquista” (‘buy’) tale valuta. Se si ritiene invece che il valore di una valuta diminuirà rispetto all’altra, si va short o si “vende” (‘sell’) tale valuta.

Così ad esempio, se hai intuito che lo USD si rafforzerà (apprezzerà) contro lo JPY, potresti andare long o acquistare la coppia USD/JPY. Potresti anche comprarla se hai intuito che lo JPY si indebolirà (deprezzerà) contro lo USD. In alternativa, se hai intuito che lo JPY potrebbe rafforzarsi contro lo USD o che lo USD potrebbe indebolirsi contro lo JPY, allora dovresti vendere o andare short su USD/JPY.

A causa di tutti questi fattori, il mercato del forex ti da infinite possibilità ogni giorno, ora, ed anche minuto per minuto.
 

Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. XTB S.A. non è responsabile per eventuali azioni o omissioni del cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari. XTB non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi perdita o danno, anche senza limitazione, eventuali perdite, che possono insorgere direttamente o indirettamente, intrapresa sulla base delle informazioni contenute in questa comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri. Le prestazioni passate non sono necessariamente indicative dei risultati futuri, e chiunque agisca su queste informazioni lo fa interamente a proprio rischio.