Come scegliere un intermediario finanziario?

3 minute(s)
I broker Forex sono istituzioni che offrono ai propri clienti l'opportunità di investire negli exchange. Scopri come scegliere quello più adatto alle tue esigenze in questo articolo.

Il mercato forex

  • Il mercato forex ha un volume girnaliero di oltre 4000 miliardi USD 
  • È il mercato finanziario più ampio al mondo
  • È un mercato “over the counter”, il che significa che non c’è un mercato centrale

Ci sono alcune ragioni p’er cui la scelta di un  forex broker è una decisione seria e non necessariamente facile. Quali aspetti devono essere presi in cosiderazione nello scegliere un forex broker?

1. L’intermediario è regolamentato?

Ogni intermediario che si ripetti è regolato nel mercato in cui svolge la propria attività o da un’altra istituzione di vigilanza maggiore. I brokers attireranno spesso l’attenzione con siti web attraenti e promozioni interesanti ma il trading forex è legato all’investimento dei tuoi fondi, pertanto è fondamentale sapere che essi sono sicuri e che il broker con cui operi è regolamentato.

2. È facile depositare e prelevare i fondi?

Per i trader è molto importante sapere di poter sia depositare che prelevare fondi in qualsiasi momento e di non essere legati al broker da alcuna limitazione. I metodi di deposito dovrebbero andare dai regolari bonifici bancari  ai pagamenti elettronici ed i prelievi dovrebbero essere possibili senza bisogno di contattare il broker via telefono o per email. I depositi ed i prelievi dovrebbero non soltanto essere facili ma anche essere eseguiti celermente da parte del broker. Se non sei sicuro circa i prelievi, potrebbe essere una buona idea quella di testare il tuo broker con una piccolo somma, provare a fare un prelievo e, in base a quanto velocemente è stato eseguito, scegliere di investire i rimanenti fondi con il broker scelto.

3. I costi sono chiari?

Nello scegliere un broker è assai importante capire tutti i costi connessi al trading e coi depositi ed i prelievi di fondi. È indispensabile che il tuo broker sul proprio sito web abbia una sezione  dedicata a tutti i costi relativi alla tua attività di trading e che non ci siano sorprese quando inizi a tradare.

4. Avrò un supporto?

Il trading può spesso essere un’attività solitaria in cui i trader potrebbero avere bisogno di aiuto o supporto ed è assai importante sapere di poter parlare con il supporto clienti in qualsaisi momento, in qualsiasi giorno della settimana durante l’attività dei mercati. La comunicazione via email è il minimo richiesto ma i migliori broker del mondo danno ai propri clienti la possibilità di chattare col supporto clienti sul sito web, e parlare con un dipendente della compagnia per telefono.

5. Riceverò qualcos’altro oltre un conto di trading?

Molti broker forniscono ai propri clienti la possibilità di tradare e qui termina la loro offerta. Nello scegliere un broker un cliente dovrebbe sapere che non sarà trattato come un numero e che gli verrà fornito un account manager, che lo affiancherà nel suo viaggio nel trading. Tale affiancamento dovrebbe includere  l’aiuto nelle questioni relative l’offerta e la piattaforma ma comprendere anche la possibilità di assistere il cliente nella formazione. I migliori brokers del mondo forniscono webinar di analisi e formazione, seminari dal vivo, trading club e sessioni educative “one to one".

Inoltre il tuo account manager ti informerà sulle promozioni in arrivo che ti potrebbero interessare. È sempre una buona idea quella di tenersi in contatto con l’account manager, valutando come può aiutarti nel tuo viaggio nel mondo del trading.

Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. XTB S.A. non è responsabile per eventuali azioni o omissioni del cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari. XTB non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi perdita o danno, anche senza limitazione, eventuali perdite, che possono insorgere direttamente o indirettamente, intrapresa sulla base delle informazioni contenute in questa comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri. Le prestazioni passate non sono necessariamente indicative dei risultati futuri, e chiunque agisca su queste informazioni lo fa interamente a proprio rischio.