Indicatori e oscillatori tecnici avanzati

Livello Avanzato: - Lezione 6

Da questo articolo imparerai:

  • Quali oscillatori avanzati sono i più popolari
  • Qual’ è la differenza tra gli indicatori di ritardo e quelli principali
  • Come aprire un trade basato su segnali generati da oscillatori tecnici
Ci vuole: 25

Gli indicatori e gli oscillatori sono strumenti che aiutano a identificare la tendenza e il sentimento prevalenti, e sono anche usati per determinare i punti di svolta così come i punti di ingresso e di uscita. Gli oscillatori più popolari e anche i più semplici sono RSI e MACD, ma in questo articolo ci concentreremo su modi più avanzati per analizzare la tendenza o per cercare i punti di svolta. Certo, il fatto che un oscillatore sia più complicato dell'altro non significa che sia anche più efficiente, ma come trader dovresti avere un ampio spettro di strumenti che potrebbero aiutarti ad analizzare il mercato. Pronto? Cominciamo!

Indicatori e oscillatori guida e di divergenza:

L'oscillatore tecnico potrebbe essere diviso in due gruppi: quelli principali e quelli in ritardo. Come suggerisce il loro nome, gli indicatori principali sono progettati per guidare i movimenti dei prezzi. D'altra parte, gli oscillatori di divergenza seguono le variazioni dei prezzi e sono comunemente indicati come indicatori di trend-following. Non portano quasi mai al prezzo di un asset. Ecco gli esempi più popolari di entrambi i gruppi:

Indicatori e oscillatori di guida:

  • Momentum
  • Stochastic Oscillator
  • Williams %R

Indicatori di divergenza e oscillatori:

  • MACD
  • SMA/EMA

Nel nostro precedente articolo sul tema degli indicatori e degli oscillatori abbiamo parlato principalmente degli indicatori di divergenza, quindi in questa lezione ci concentreremo sul primo gruppo.

Indicatori e oscillatori tecnici avanzati

  • Momentum:

L'indicatore Momentum confronta il punto in cui il prezzo corrente è in relazione al luogo in cui il prezzo era nel passato. Fino a che punto il confronto è fatto fino al trader dell'analisi tecnica. Il calcolo di Momentum è abbastanza semplice (n è il numero di periodi selezionati dal trader tecnico):

Il prezzo corrente meno il prezzo n-periodi fa

Quindi, se il prezzo corrente è superiore al prezzo nel passato, allora l'indicatore di Momentum è positivo. Al contrario, quando il prezzo corrente è inferiore al prezzo nel passato, allora l'indicatore Momentum è negativo. L'indicatore Momentum è classificato come un "oscillatore" poiché la curva risultante oscilla tra i valori su una linea centrale "100", che può o meno essere disegnata sulla tabella degli indicatori.

 

Quando l'indicatore del Momentum supera la linea dello zero (100), significa che dovresti acquistare l’asset. L'attraversamento della linea zero (100) implica che il prezzo della coppia di azioni, indici o valute si sta invertendo, sia per aver toccato il fondo che per aver superato i picchi recenti; questo è generalmente visto come un segnale rialzista. E cosa succede quando l'indicatore della quantità di moto incrocia sotto la linea dello zero (100)? Un cross della linea zero (100) dall'alto potrebbe generalmente significare due cose: CFD, coppia di valute, o il prezzo del titolo è scaduto e sta invertendo o il prezzo è sceso al di sotto dei minimi recenti, in entrambi i casi, questi eventi sono spesso interpretati da i trader come segnali al ribasso.

Stochastic oscillator:

L'oscillatore stocastico è un indicatore tecnico che si muove avanti e indietro tra 0 e 100, fornendo un indicatore di quantità di moto. L'indicatore mostra come il prezzo corrente si confronta con il prezzo più alto e più basso durante il periodo di riferimento. In genere il look back è di 14 periodi; su un grafico settimanale di 14 settimane, su un grafico orario 14 ore.

Quando l'indicatore è vicino allo zero, mostra che il prezzo è tradato vicino o sotto il minimo più basso durante il periodo di osservazione. Se l'indicatore è vicino a 100, il prezzo è tradato vicino o sopra il massimo più alto durante il periodo di riferimento. Sopra i 50 e il prezzo è tradato nella parte superiore dell'intervallo di 14 periodi; inferiore a 50 e il prezzo è tradato nella parte inferiore dell'intervallo di 14 periodi. Il calcolo dell'oscillatore stocastico è piuttosto complicato, ma a causa del fatto che è incorporato nella maggior parte delle piattaforme passeremo a come usarlo nella pratica.

Uno strumento è ipercomprato quando lo stocastico è superiore a 80 e lo strumento è ipervenduto se l'indicatore è inferiore a 20.

 

Le etichette sono fuorvianti però; ipercomprato non significa necessariamente che il prezzo scenderà immediatamente, e ipervenduto non significa che il prezzo si riprenderà immediatamente. Ipercomprato e ipervenduto significano semplicemente che il prezzo è tradato vicino al massimo o al minimo dell'intervallo di 14 giorni, rispettivamente. Queste condizioni possono durare a lungo. I trader usano però i livelli di ipercomprato e ipervenduto per monitorare le inversioni. Se l'indicatore è ipercomprato e scende sotto il 50, indica che il prezzo si sta abbassando. Se il prezzo è stato ipervenduto e il rally superiore a 50 indica che il prezzo si sta spostando più in alto.

L'intera idea di trading con l'uso dell'oscillatore stocastico assomiglia a questo: quando il prezzo si sta abbassando, vai in short quando l'indicatore è ipercomprato e poi scende sotto 50. Quando si muove più in alto, vai long quando il prezzo è ipervenduto linea. Il livello 50 è comunemente usato e visto come la linea neutra, ecco perché appare nel nostro esempio.

C'è anche un altro modo di come l'oscillatore stocastico potrebbe generare segnali di trading. Come puoi vedere, l'oscillatore è costituito da due linee:% K e% D. Il primo è noto come la linea più veloce in quanto si accorge più rapidamente alle variazioni dei prezzi. Il segnale si verifica quando la linea% K incrocia% D. Il segnale di acquisto è visto quando% K incrocia% D dal lato negativo nella zona di ipervenduto e dopo che entrambe le linee salgono sopra il livello di 20.

 

D'altra parte, il segnale di vendita appare quando la linea più veloce attraversa quella più lenta dal rialzo nella zona di ipercomprato e quando entrambi scendono sotto il livello di 80.

 

L'oscillatore stocastico è uno strumento utile in quanto aiuta a identificare i cambiamenti di una tendenza. Aiuta anche a identificare i livelli di ipercomprato e ipervenduto oltre a potenziali cali e alti. Esistono anche altri modi per utilizzare l'oscillatore stocastico e, data la sua complessità, è diventato uno degli indicatori più popolari tra gli analisti tecnici.

 

Williams %R:

Il Williams% R è un indicatore che si sposta tra 0 e -100, fornendo informazioni sulla debolezza o forza di un asset. Viene utilizzato in varie capacità, tra cui livelli di ipercomprato / ipervenduto, conferme del momento e segnali di trading.

Il %R è molto simile all'oscillatore stocastico. L'unica differenza tra i due indicatori è il modo in cui vengono ridimensionati. Il% R fluttua tra 0 e -100, mentre lo stocastico si sposta tra 0 e 100. Lo stocastico ha anche una media mobile applicata (%D e %K linee) su di esso in modo che possa essere utilizzata per i segnali di crossover. Williams %R ha solo una linea per impostazione predefinita, sebbene possa essere applicata una media mobile per fornire tutte le funzionalità dello stocastico.

 

L'uso più comune per Williams% R è per letture ipercomprate e ipervendute e conferme e fallimenti del momento. Una sicurezza è ipercomprata quando l'indicatore è superiore a -20 e la sicurezza è ipervenduta se l'indicatore è inferiore a -80. L'intero concetto di trading basato su %R è lo stesso dell'oscillatore stocastico. Vendi quando l'indicatore si trova nel territorio ipercomprato e inizia a scendere. Acquista quando viene raggiunto il territorio oversold e l'indicatore inizia a salire.

 

Indicatori multipli: molteplici opportunità

Oggi ci sono centinaia di indicatori in uso, con la creazione di nuovi indicatori ogni settimana. Come sempre nell'analisi tecnica, imparare a leggere gli indicatori è più un'arte che una scienza. Lo stesso indicatore può presentare modelli comportamentali diversi se applicato a diversi tipi di risorse. Gli indicatori che funzionano bene per EURUSD potrebbero non funzionare allo stesso modo per il DAX. Attraverso uno studio e un'analisi attenti, le competenze con i vari indicatori si svilupperanno nel tempo. Man mano che questa esperienza si sviluppa, alcune sfumature, così come le configurazioni preferite, diventeranno chiare.

 

Questo articolo è fornito solo a scopo informativo e didattico. Qualsiasi opinione, analisi, prezzo o altro contenuto non costituisce un consiglio o una raccomandazione di investimento. Qualsiasi ricerca non è stata preparata in conformità ai requisiti legali richiesti per promuovere l'indipendenza della ricerca di investimento e in quanto tale è considerata una comunicazione di marketing. XTB non si assume alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni, inclusi, a titolo esemplificativo, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare direttamente o indirettamente dall'utilizzo o dall'affidamento di tali informazioni.

Si prega di essere consapevoli del fatto che le informazioni e le ricerche basate su dati storici o prestazioni non garantiscono prestazioni o risultati futuri.

 

Il trading su CFD con leva finanziaria comporta un rischio significativo di perdita per il tuo capitale.

Pubblicato da: X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A

Quiz

Testa le tue conoscenze con il nostro quiz:

Inizia il quiz
1/3

Quale dei seguenti indicatori è il principale:

Prossima domanda
2/3

Quale dei seguenti oscillatori è costituito da due linee:

Precedente Prossima domanda Precedente
3/3

Stochastic Oscillator generano un segnale di buy quando:

Precedente Fine Quiz Precedente

Peccato non hai superato il quiz, prova di nuovo. Il tuo risultato è . Risposta errata:

Prova ancora

Ottimo! Hai superato il test. Congratulazione!

Mettiti alla prova in demo Vai al prossimo corso

Livello Avanzato: corsi:

Prova le tue competenze nel conto Demo Xstation5

Prova un conto demo