È possibile per Hertz evitare il fallimento?

15:00 10 giugno 2020

 

  • Hertz (HTZ.US) ha presentato istanza di fallimento a fine maggio
  • Il prezzo delle azioni della società è aumentato questo mese
  • La maggior parte del debito di Hertz è sostenuto dai suoi veicoli
  • Piccola possibilità di evitare il fallimento

 

La pandemia di coronavirus ha creato condizioni di crisi nei mercati globali con molte aziende che hanno presentato istanza di fallimento o che sono a rischio di farlo. Alcuni investitori vedono opportunità in tali società e decidono di acquistare azioni anche dopo che la società è entrata in bancarotta. Hertz è un esempio perfetto in quanto, nonostante la richiesta di protezione fallimentare, le sue azioni sono in rialzo del 500% questo mese e siamo a solo il 10 di giugno.
 

Perché Hertz ha presentato istanza di fallimento?
Hertz (HTZ.US) è ​​una delle più grandi compagnie di autonoleggio al mondo. Oltre ad offrire servizi di noleggio in famose località turistiche, ha anche punti vendita nella maggior parte degli aeroporti più trafficati del mondo. La pandemia del coronavirus ha congelato l'attività turistica e ha fermato i voli passeggeri. A sua volta, Hertz ha visto svanire la maggior parte della domanda per i suoi servizi. La mancanza di clienti, la grande quantità di debito e le scarse prospettive di business per il futuro mettono l'azienda sotto stress significativo. Poiché la società non è riuscita a raggiungere un accordo con i finanziatori, la richiesta di protezione fallimentare sembrava l'unica via da seguire. Hertz ha presentato domanda per la protezione fallimentare del capitolo 11 il 22 maggio.
La recente impennata del prezzo delle azioni di Hertz è stata supportata da un massiccio aumento del volume degli scambi. In effetti, durante i primi 9 giorni di giugno 2020 sono state scambiate quasi il doppio delle azioni rispetto all'intero 2019! Fonte: Bloomberg
 

Capitolo 11. Qual è il prossimo passo?
La richiesta di protezione in caso di fallimento ai sensi del capitolo 11 consente all'azienda di avviare un processo di riorganizzazione. Le principali parti interessate di Hertz ora prepareranno e concorderanno un piano di riorganizzazione. Se i giudici e i creditori federali statunitensi lo confermano, l'accordo diventa vincolante e la riorganizzazione segue. Tuttavia, questo non è l'unico risultato della procedura del capitolo 11. Le parti potrebbero non riuscire a raggiungere un accordo e in tal caso la società probabilmente entrerà in fallimento ai sensi del capitolo 7. Il capitolo 7 specifica il fallimento attraverso la liquidazione delle attività e la distribuzione dei proventi tra le parti interessate. Il terzo possibile scenario prevede evitare la dichiarazione di fallimento, facendo perdere protezione alla società e consentendo ai creditori di riscuotere crediti. Tuttavia, le aziende di solito dichiarano nuovamente fallimento in una situazione del genere.
È possibile evitare il fallimento?
Il caso di Hertz è difficile e può essere difficile salvare la società dal fallimento. Hertz aveva circa $ 18,7 miliardi di debito a lungo termine alla fine del primo trimestre 2020. Tuttavia, si dice che fino a $ 15 miliardi di questo debito siano in titoli garantiti da attività collegati alla flotta di auto Hertz. Le richieste soddisfacenti dei creditori lascerebbero probabilmente Hertz con poche o nessuna macchina rimasta e, naturalmente, questo non è un buon risultato per le compagnie di autonoleggio. I creditori possono mostrare buona fede e consentire il rinvio dei rimborsi del debito, ma non ci sono molte ragioni per farlo. Prima di tutto, Hertz non è in grado di compensarli per aver assunto rischi più elevati più a lungo. In secondo luogo, le prospettive commerciali di Hertz sono molto scarse e la compagnia continuerà probabilmente a lottare fino a quando i viaggi aerei non torneranno alla normalità. Tieni presente che i tribunali statunitensi non sono autorizzati a confermare i piani di riorganizzazione che molto probabilmente porteranno a un altro procedimento fallimentare.

Oltre ai summenzionati $ 15 miliardi di debito garantito da attività, Hertz ha anche oltre $ 3 miliardi di debito non garantito. Agli azionisti non verrà corrisposto un centesimo fino al rimborso del debito garantito e non garantito. La ristrutturazione è spesso un processo lungo e gli azionisti vengono rimborsati alla fine.Il prezzo delle azioni di Hertz (HTZ.US) è rimbalzato all'inizio di giugno, sostenuto da forti volumi di trading. Il prezzo ha raggiunto il limite superiore della struttura di Overbalance e ha iniziato a ritirarsi. Le operazioni pre-market di oggi suggeriscono che il titolo lancerà la sessione con un calo a doppia cifra. Fonte: xStation5
 

Gioco ad alto rischio

Riassumendo quanto sopra, Hertz dovrà fare di tutto per evitare il fallimento. È possibile, ma dato che i problemi di Hertz non sono necessariamente di natura a breve termine, potrebbero esserci poche motivazioni. Le azioni Hertz sono crollate di oltre il 95% tra febbraio e giugno per un'ottima ragione: i fondamentali semplicemente non supportano l'opinione che la società possa superare la crisi. Mentre le azioni potrebbero salire sui flussi speculativi per ora, il mercato alla fine raggiungerà la realtà man mano che la situazione si evolve.
 

Questo contenuto è stato creato da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA, con sede a Varsavia, Ogrodowa 58, 00-876 Varsavia, Polonia (KRS n. 0000217580) ed è supervisionato dall'autorità finanziaria polacca (KNM). M-4021-57-1 / 2005). Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A.non è responsabile per le azioni o le omissioni di alcun cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari, intraprese sulla base delle informazioni contenute nella presente comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri.

Condividi:
Precedente