I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 76% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 76% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Falchi e colombe: significato nella politica monetaria

Argomenti correlati:
Tempo di lettura: 5 minute(s)
Falchi e colombe: significato nella politica monetaria

La gestione della politica monetaria è un aspetto cruciale di qualsiasi sistema economico, poiché influisce direttamente sulla crescita, sull’inflazione, sull’occupazione e sulla stabilità finanziaria di un paese. Nel dibattito sulle politiche monetarie emergono due approcci opposti: i “falchi” e le “colombe”. Questi due concetti rappresentano filosofie diverse su come le autorità monetarie dovrebbero rispondere alle sfide economiche e finanziarie. In questo articolo esploreremo in dettaglio sia l'approccio dei falchi che quello delle colombe, analizzandone le caratteristiche, le implicazioni e i possibili vantaggi e svantaggi.

Inizia ad investire o mettiti alla prova su un conto demo

APRI UN CONTO REALE APRI UN CONTO DEMO

Cosa significano i termini Hawkish (Falchi) e Dovish (Colombe)?

"Falchi" e "Colombe" sono termini usati per descrivere diversi approcci alla politica monetaria. Questi termini si riferiscono principalmente alla posizione assunta dalle banche centrali nella gestione dei tassi di interesse e nel controllo dell’offerta di moneta per raggiungere specifici obiettivi economici. Il termine "falco" e "colomba" ha origine dal mondo del birdwatching. I "falchi" sono noti per la loro natura aggressiva e vigile, mentre le "colombe" simboleggiano la pace e la gentilezza. Queste caratteristiche sono state metaforicamente applicate per descrivere diversi approcci alla politica monetaria. Quando si tratta di politica monetaria, essere aggressivi significa tenere un occhio attento sull’inflazione e intervenire per controllarla. Mentre il termine colomba si riferisce a un consulente di politica economica che sostiene politiche monetarie che comportano tassi di interesse bassi. Le colombe sostengono che l’inflazione non è un male e che è destinata ad avere pochi effetti negativi sull’economia. Ritengono che bassi tassi di interesse siano necessari per stimolare la crescita economica e la creazione di posti di lavoro.

Falchi e colombe: significato nella politica monetaria

Cos’è una politica monetaria?

La politica monetaria si riferisce alle azioni e alle misure adottate dalla banca centrale o dall’autorità monetaria di un paese per gestire e controllare l’offerta di moneta, i tassi di interesse e altre variabili monetarie in un’economia. Il suo obiettivo primario è raggiungere obiettivi economici specifici, come la stabilità dei prezzi, la crescita economica sostenibile e il basso tasso di disoccupazione. La politica monetaria è uno degli strumenti chiave a disposizione dei policy maker per influenzare le condizioni economiche complessive di un paese.

Le banche centrali utilizzano vari strumenti per attuare la politica monetaria. Alcuni degli strumenti comuni includono:

  • Tassi di interesse: le banche centrali possono adeguare i tassi di interesse a breve termine, come la politica o il tasso di prestito overnight, per influenzare i costi di finanziamento per le banche e altri istituti finanziari. Aumentando o abbassando i tassi di interesse, le banche centrali possono influenzare le decisioni di spesa e di investimento, incidendo sull’attività economica.
  • Operazioni di mercato aperto: le banche centrali possono acquistare o vendere titoli di Stato, come buoni del tesoro o cambiali, nel mercato aperto per controllare l’offerta di moneta. Quando acquistano titoli, immettono denaro nell’economia, mentre la vendita di titoli sottrae denaro dalla circolazione.
  • Requisiti di riserva: le banche centrali possono stabilire requisiti di riserva, che sono gli importi minimi di riserve che le banche devono detenere a fronte dei loro depositi. Adeguando questi requisiti, le banche centrali possono influenzare la quantità di credito disponibile nel sistema bancario e controllare le attività di prestito.
  • Quantitative easing: durante i periodi di crisi economica o quando i tassi di interesse sono già bassi, le banche centrali possono ricorrere al quantitative easing. Ciò comporta l’acquisto di grandi quantità di titoli di Stato o altre attività finanziarie per aumentare l’offerta di moneta e stimolare l’attività economica.

L'approccio specifico e gli strumenti utilizzati nella politica monetaria possono variare a seconda delle condizioni economiche, degli obiettivi e del mandato della banca centrale del paese. L’obiettivo è trovare un equilibrio tra la promozione della crescita economica, il mantenimento della stabilità dei prezzi e la risposta ad altre sfide macroeconomiche.

È importante notare che la politica fiscale, che coinvolge la spesa pubblica e la tassazione, lavora insieme alla politica monetaria per modellare l’ambiente economico generale e raggiungere i risultati desiderati.

Falchi e colombe: significato nella politica monetaria

Quali sono le differenze tra politiche monetarie aggressive e accomodanti?

Politica monetaria “Falco” aggressiva

  • Focus: La politica monetaria aggressiva pone l’accento sul controllo dell’inflazione come obiettivo primario. Mira a mantenere la stabilità dei prezzi mantenendo i livelli di inflazione bassi e entro un intervallo target.
  • Tassi di interesse: una posizione aggressiva comporta in genere l’aumento dei tassi di interesse per frenare i prestiti e la spesa, il che può aiutare a ridurre le pressioni inflazionistiche. Tassi di interesse più elevati rendono i prestiti più costosi, scoraggiando imprese e consumatori dall’assumersi debiti eccessivi.
  • Restringimento dell’offerta di moneta: la politica aggressiva comporta anche la riduzione dell’offerta di moneta o la limitazione della sua crescita. Ciò può essere ottenuto vendendo titoli di Stato o inasprendo gli standard di prestito per le banche, rendendo più difficile l’accesso al credito per le imprese e i privati.
  • Impatto economico: le politiche aggressive tendono a dare priorità alla lotta all’inflazione piuttosto che allo stimolo della crescita economica. Aumentando i tassi di interesse e limitando il credito, si può rallentare l’attività economica, compresa la spesa dei consumatori e gli investimenti, nel breve termine.

Politica monetaria “Colomba” accomodante

  • Focus: La politica monetaria accomodante dà priorità alla promozione della crescita economica e alla riduzione della disoccupazione. È più indulgente nei confronti di un’inflazione più elevata nel breve termine per sostenere l’espansione economica e la creazione di posti di lavoro.
  • Tassi di interesse: un atteggiamento accomodante comporta in genere la riduzione dei tassi di interesse per incoraggiare l’indebitamento e la spesa. Tassi più bassi rendono i prestiti più economici, stimolando gli investimenti delle imprese e la spesa dei consumatori.
  • Espansione dell’offerta di moneta: la politica accomodante può comportare l’espansione dell’offerta di moneta attraverso misure come l’acquisto di titoli di Stato o la riduzione dei requisiti di riserva per le banche. Ciò aumenta la disponibilità di credito e rende più facile per le imprese e i privati ottenere prestiti.
  • Impatto economico: le politiche accomodanti mirano a stimolare l’attività economica e l’occupazione. Abbassando i tassi di interesse e aumentando l’offerta di moneta, si incoraggiano i prestiti, gli investimenti e la spesa, che possono portare ad una maggiore crescita economica nel breve termine. Tuttavia, se non gestita con attenzione, esiste il rischio di un’inflazione più elevata.

Le banche centrali spesso adottano posizioni aggressive o accomodanti in base alla loro valutazione delle attuali condizioni economiche, inclusi i livelli di inflazione, i tassi di occupazione e la performance economica complessiva. Possono adeguare le loro politiche nel tempo man mano che la situazione economica evolve. La scelta tra politiche aggressive e accomodanti dipende dagli obiettivi della banca centrale e dalla loro valutazione del compromesso tra inflazione e crescita economica. Vale la pena notare che le politiche possono essere diverse per i diversi paesi.

FAQ

La decisione di investire in un mercato accomodante (Colomba) o aggressivo (Falco) dipende dai tuoi obiettivi di investimento e dalla tua propensione al rischio. I mercati accomodanti, con tassi di interesse bassi e politiche monetarie indulgenti, favoriscono i titoli in crescita grazie alla riduzione dei costi di finanziamento. Tuttavia, possono anche essere volatili, spinti da preoccupazioni sull’inflazione e da una potenziale recessione. I mercati aggressivi, caratterizzati da tassi di interesse elevati e politiche rigorose, sono favorevoli ai titoli value che si comportano bene con tassi in aumento. Tuttavia, potrebbero portare a una crescita lenta poiché le aziende esitano ad espandersi. In sostanza, il tempo di investimento ottimale si allinea con un orizzonte a lungo termine e con il tuo livello di comfort rispetto al rischio.

 

Ecco alcuni fattori aggiuntivi da considerare quando si prende una decisione:

  • La tua età e i tuoi obiettivi di pensionamento. Se ti stai avvicinando alla pensione, potresti voler concentrarti sulla conservazione del tuo capitale ed evitare i rischi. In questo caso, un mercato accomodante potrebbe essere un’opzione migliore.
  • La tua tolleranza al rischio. Se ti senti a tuo agio con il rischio, potresti essere in grado di sfruttare il potenziale di rendimenti più elevati in un mercato aggressivo.
  • Il contesto economico generale. Se l’economia è forte, un mercato aggressivo potrebbe essere un’opzione migliore. Tuttavia, se l’economia è debole, un mercato accomodante potrebbe rappresentare un’opzione migliore.

È importante ricordare che non esiste una risposta valida per tutti a questa domanda. Il momento migliore per investire dipende dalle circostanze e dagli obiettivi individuali.

Non esiste una risposta valida per tutti a questa domanda. Il miglior tipo di mercato per te dipende dai tuoi obiettivi di investimento individuali e dalla tua tolleranza al rischio. Se stai cercando la crescita, un mercato accomodante potrebbe essere un’opzione migliore. Se stai cercando un reddito, un mercato aggressivo potrebbe essere un’opzione migliore.

Alcuni esempi di banche centrali accomodanti includono la Banca del Giappone e la Banca Centrale Europea. Queste banche centrali hanno mantenuto bassi i tassi di interesse per un lungo periodo di tempo al fine di stimolare la crescita economica. Alcuni esempi di banche centrali aggressivi includono la Federal Reserve e la Banca d’Inghilterra. Queste banche centrali hanno aumentato i tassi di interesse negli ultimi anni nel tentativo di controllare l’inflazione.

Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. XTB S.A. non è responsabile per eventuali azioni o omissioni del cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari. XTB non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi perdita o danno, anche senza limitazione, eventuali perdite, che possono insorgere direttamente o indirettamente, intrapresa sulla base delle informazioni contenute in questa comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri. Le prestazioni passate non sono necessariamente indicative dei risultati futuri, e chiunque agisca su queste informazioni lo fa interamente a proprio rischio.

Xtb logo

Unisciti a oltre 935.000 investitori da tutto il mondo