Bitcoin di nuovo sotto $19.000. Le criptovalute rimbalzeranno?

13:10 28 settembre 2022

Il mercato delle criptovalute ha iniziato oggi con uno stato d'animo debole, ma è stato chiaramente migliorato da una dichiarazione accomodante della Bank of England, che intende acquistare buoni del Tesoro. Vediamo anche una moderata reazione positiva sugli indici. Basterà questo per far salire Bitcoin sopra il livello di 20.000$ più a lungo?

  • Bitcoin è tornato sopra i 19.000$ e ha nuovamente difeso i livelli di supporto chiave. Ethereum viene scambiato sopra $ 1.300 per token;
  • Lo scambio FTX, che possiede la criptovaluta con lo stesso nome, ha vinto un'offerta per acquisire la società di criptovaluta in bancarotta Voyager, per $ 1,4 miliardi. Voyager ha dichiarato fallimento a luglio. FTX ha superato Binance e Wave Financial. Allo stesso tempo, è emersa la notizia delle dimissioni del CEO di un altro prestatore di criptovalute in bancarotta, Celsius Network;
  • Il capo dell'exchange, il miliardario Sam Bankman-Fried, ha preso in considerazione l'idea di acquistare Celsius in passato. I clienti Voyager hanno tempo fino al 3 ottobre per presentare reclami per il recupero della criptovaluta. Bankman-Fried ha riferito durante l'estate di voler ridurre gli effetti negativi dei fallimenti e migliorare il sentimento verso l'industria delle criptovalute.

L'analisi del grafico sopra mostra il mercato per i titolari a breve termine (STH in breve). Dividendo l'offerta di Bitcoin tra indirizzi a lungo e a breve termine, possiamo osservare diversi fenomeni. I bitcoin acquistati sopra i $ 30.000 sono già per lo più di proprietà di LTH, e da loro c'è poca offerta, a causa della significativa perdita non realizzata e della fiducia degli investitori nel potenziale rialzista di Bitcoin. D'altra parte, gli indirizzi STH vogliono acquistare la criptovaluta al prezzo più interessante possibile. Come possiamo vedere ora, la volatilità degli investimenti da parte di STH è bassa, i volumi sono relativamente simili tra loro. A fronte di una crescente mancanza di offerta dagli indirizzi LTH, sono i movimenti di STH a essere più rilevanti per Bitcoin. Un divario di offerta tra $ 17.000 e $ 11.000 potrebbe innescare un grande sell-off se il prezzo di Bitcoin scendesse di circa il 10% dai livelli attuali vicino a $ 19.000. Tuttavia, osservando le reazioni sistematiche dell'offerta della principale criptovaluta, un calo così ampio sembra possibile una volta che gli investitori a breve termine perdono fiducia nel rimbalzo dei prezzi e sentono la pressione dell'offerta. Con il passare del tempo e il calo della domanda, il sentimento potrebbe indebolirsi portando alla vendita da parte degli STH. Fonte: Glassnode
Grafico Bitcoin, H1. Bitcoin sta reagendo negativamente alla resistenza della media mobile a 200 sessioni sul grafico di 1 ora, vicino a 19.080$. A seconda dell'apertura di Wall Street, tuttavia, il prezzo potrebbe superare la resistenza e tentare di raggiungere i 20.000$. Se il sentimento verso il rischio continua a essere debole, un calo non è impossibile. Attualmente, i contratti indicano un'apertura debole per gli indici. L'RSI è ora a livello neutrale. Fonte: xStation5

Inizia ad investire oggi o prova un conto demo senza rischi

Registrati per un conto reale PROVA UNA DEMO Scarica la app mobile Scarica la app mobile

Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. XTB S.A. non è responsabile per eventuali azioni o omissioni del cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari. XTB non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi perdita o danno, anche senza limitazione, eventuali perdite, che possono insorgere direttamente o indirettamente, intrapresa sulla base delle informazioni contenute in questa comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri. Le prestazioni passate non sono necessariamente indicative dei risultati futuri, e chiunque agisca su queste informazioni lo fa interamente a proprio rischio.

Condividi:
Precedente