DE30: Lo spread dei titoli ​​Europei in calo

10:59 25 giugno 2019

Sommario:

  • Le borse europee aprono al ribasso a causa dei rischi legati all'Iran
  • DAX (DE30) si avvicina al suo livello tecnico critico
  • I premi di rischio in Europa spinti verso il basso

L'inizio degli scambi di martedì in Europa non è stato positivo in quanto gli investitori stanno digerendo le ultime osservazioni espresse dall'Iran dopo che il paese è stato colpito (nuove sanzioni) dagli Stati Uniti il ​​lunedì. Sebbene queste sanzioni siano personali, quindi, avranno un effetto piuttosto trascurabile sull'economia, questo potrebbe essere un rimescolamento del conflitto geopolitico in corso tra i due paesi. Questo è stato il modo in cui i mercati l'hanno letto: le scorte in Asia sono diminuite, i prezzi dell'oro sono saliti e i tesorieri si sono radunati. Le tendenze osservate durante il trading delle ore asiatiche sono anche visibili in Europa, con i principali indici che si attestano a circa lo 0,3%.
Dall'inizio dell'anno c'è stata una sostanziale compressione del premio di rischio nella zona euro. Fonte: Bloomberg

L'aumento della domanda di titoli meno rischiosi si è riflesso anche nel nuovo minimo storico del rendimento in 10 anni della Germania, che è sceso al di sotto dello -0,33%. Essendo qui bisogna menzionare una cosa importante. In particolare, dall'inizio dell'anno abbiamo assistito a una notevole compressione degli spread dei rendimenti obbligazionari nel bund tedesco come evidenziato dal grafico precedente (il rettangolo giallo presenta un confronto degli spread correnti con lo spread medio dall'inizio del 2019). Come possiamo notare, solo gli spread in Finlandia e nei Paesi Bassi non si sono ristretti, ma la differenza non è particolarmente rilevante. Ciò che potrebbe essere importante in futuro è il fatto che alcuni paesi dell'Europa meridionale come la Grecia, il Portogallo o l'Italia hanno visto una diminuzione significativa dei costi di rischio di finanziamento nonostante i livelli di debito gonfiati (tenere presente che l'Italia ha subito una procedura di debito eccessivo all'inizio di questo anno). La compressione sopra menzionata significa che gli investitori hanno acquistato obbligazioni emesse da governi italiani o greci nonostante i rischi. La ragione di questo comportamento è semplice: una caccia ai rendimenti nell'ambiente di sfruttamento incessante dei principali paesi europei.
Il DE30 è ancora scambiato al di sopra del supporto chiave di 12 200 punti, quindi da questo punto di vista gli acquirenti non sembrano ancora destinati al fallimento. Tuttavia, la mossa al di sotto di questa linea potrebbe essere l'inizio di un pullback più profondo anche verso i livelli vicini 11 600 punti. Fonte: xStation5

Esaminando il DE30 si può notare una sottoperformance piuttosto diffusa delle azioni. La storia interessante riguarda Volkswagen che si sta preparando per un IPO Traton (questa è un'unità di camion VW). Vale a dire, secondo l'analista di Bankhaus Metzler, Juergen Pieper, una valutazione di VW basata sulla somma  di tutte le parti potrebbe essere più del doppio dell'attuale valore di mercato. Si aspetta che la riuscita IPO di Traton tenga conto di una valutazione abbastanza moderata dell'unità. supponendo un costante aumento del commercio, Pieper ha fissato l'obiettivo di prezzo per VW a 250 euro, il che implica un sorprendente aumento del 70%.
Martedì la maggior parte delle scorte si contrae in ribasso nelle prime negoziazioni europee. Fonte: Bloomberg

Questo contenuto è stato creato da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA, con sede a Varsavia, Ogrodowa 58, 00-876 Varsavia, Polonia (KRS n. 0000217580) ed è supervisionato dall'autorità finanziaria polacca (KNM). M-4021-57-1 / 2005). Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A.non è responsabile per le azioni o le omissioni di alcun cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari, intraprese sulla base delle informazioni contenute nella presente comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri.

Condividi:
Precedente