I titoli Statunitensi recuperano; L'EUR in ribasso dopo la decisione BCE di cambiare politica

15:11 18 luglio 2019

Sommario:

  • Wall Street in riazlo dopo i recenti cali

  • Titolo della settimana: Galapagos

  • L'euro perde terreno; La BCE ripensa al cambio dell'obiettivo d'inflazione

  • Le vendite al dettaglio nel Regno Unito battono le aspettative

  • Il Nickel vede un'altra settimana stupefacente

Mercoledì gli indici statunitensi hanno chiuso in ribasso per il secondo giorno consecutivo, mentre i mercati azionari si sono ritirati dai loro recenti massimi. Il cambiamento nella tendenza a breve termine è stato ben catturato da una rottura al di sotto della vuvola Ichimoku H1 per l'S & P500 e il mercato ha registrato un minimo di 2975. Questa è stata la situazione per gran parte dell'anno e mentre sono stati in questo orientamento positivo (8 sopra 21), diversi movimenti nella zona circostante hanno fornito buone opportunità di acquisto.

Sul fronte dei dati ci sono state un paio di pubblicazioni da notare prima della campanella di apertura. Prima di tutto, diamo un'occhiata all'indice di produzione della Fed di Philly, che è salito a 21,8 per il mese corrente, partendo da 0,3 in precedenza e più confortevole rispetto al 5,0 previsto. Questa è la lettura più alta da ottobre e significa che 2 degli ultimi 3 sono stati meglio delle previsioni.

Il nostro ultimo titolo della settimana si concentra su Galapagos dopo un'incredibile rialzo. Leggi la nostra analisi completa qui.

L'euro è crollato all'improvviso dopo che ai trader è stata data la notizia che la BCE avrebbe ripensato a un cambiamento nel suo obiettivo di inflazione come "inferiore ma vicino al 2%", la notizia è stata pubblicata da Bloomberg. Un possibile cambiamento avrebbe probabilmente bisogno di una revisione più ampia della politica e si potrebbe immaginare che sarebbe implementato entro la fine dell'anno quando Mario Draghi terminerà il suo mandato. Questo potrebbe essere considerato il primo impatto materiale di un cambiamento in arrivo nel posto di governatore della BCE - Christine Lagarde guiderà la BCE da questo autunno.

Un aumento inaspettato delle spese al dettaglio nel Regno Unito nel mese di giugno ha avuto un effetto positivo per la sterlina con la valuta che ha cercato di recuperare dopo aver toccato il livello più basso in oltre 2 anni contro il dollaro USA ieri. Una lettura di +1.0 M / M è ben al di sopra della previsione del -0.3% e significa che per 5 dei 6 mesi di quest'anno in cui dati sono stati pubblicati è stato migliore del previsto. La perseveranza del consumatore di fronte alla continua incertezza politica è al tempo stesso sorprendente e ammirevole e suggerisce che, nonostante i crescenti livelli di incertezza, le persone mantengano la calma e proseguano. Per di più, i soliti sospetti dietro una ripresa estiva nella spesa dei consumatori come il caldo e gli eventi sportivi non sono stati realmente rilevanti in questi dati, ma le prestazioni eroiche della squadra inglese di cricket potrebbero aumentare I dati del mese prossimo.

Il prezzo del nichel sta vivendo un altro giorno con ottime prestazioni, nonostante un sentimento generale rischio-off che è principalmente visibile sul mercato azionario ed è causato da preoccupazioni per un rallentamento economico. Il nichel sfrutta la crescente domanda nel settore delle batterie per auto elettriche e disturbi alle forniture in Sud Africa e Indonesia. Il divario rialzista dell'apertura odierna è stato di quasi il 3% e nell'intera settimana il prezzo è aumentato di quasi il 10%.
 

 

Questo contenuto è stato creato da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA, con sede a Varsavia, Ogrodowa 58, 00-876 Varsavia, Polonia (KRS n. 0000217580) ed è supervisionato dall'autorità finanziaria polacca (KNM). M-4021-57-1 / 2005). Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A.non è responsabile per le azioni o le omissioni di alcun cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari, intraprese sulla base delle informazioni contenute nella presente comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri.

Condividi:
Precedente