Apri un conto reale Apri un conto Demo

Il petrolio raggiunge il massimo di 6 settimane dopo l'intensificazione delle tensioni nel Golfo

12:41 11 luglio 2019

Sommario:

  • Brent Oil sopra $ 67 dopo che navi Iraniane intercettano navi Britannice
  • Il mercato cresce sui guadagni di ieri
  • Avviso di parità per GBPUSD
     

 

Sono stati registrati ulteriori guadagni nel prezzo del petrolio greggio con il benchmark internazionale Brent che ha raggiunto il livello più alto dalla fine di maggio, sopra i $ 67, al barile mentre le tensioni nel Golfo si stanno intensificando ancora una volta. Sono emerse notizie che navi iraniane hanno tentato di ostacolare una petroliera britannica prima di essere allontanata da una nave della Royal Navy, ciò ha ancora una volta sollevato le possibilità di un grosso sconvolgimento in quello che è un punto chiave per il trasporto marino di greggio.

Circa il 20% del petrolio globale scorre attraverso lo Stretto di Hormuz e qualsiasi interruzione di questo importante rotta potrebbe causare un rapido shock di fornitura e mandare i prezzi del petrolio a livelli che si avvicinano a quelli di inizio anno intorno a metà $ 70. I mercati petroliferi stavano già godendo di una solida settimana di guadagni, con la sessione di mercoledì che registrava un aumento di oltre il 4%, sostenuta da un altro forte calo delle scorte negli Stati Uniti e da un indebolimento del dollaro USA. Sembra esserci una confluenza di fattori che si combinano per fornire un cocktail piuttosto potente per il petrolio al momento e non sarebbe affatto una sorpresa se si coninuasse a vedere ulteriori guadagni.
 

I prezzi del petrolio stanno aumentando e dopo aver superato 66,75 al rialzo il mercato sta cercando di estendere ulteriormente verso 69,25. Gli EMA dell'8 / 21 sono diventati positivi e secondo questo indicatore il mercato è tornato in una fase di rialzo. Fonte: xStation

Branson avverte che la coppia GBPUSD potrebbe colpire la parità

C'è stata un po 'di rimbalzo nella sterlina nelle ultime 24 ore, grazie in parte a un calo del dollaro USA dopo che la Fed ha riaffermato la sua posizione accomodante ieri. Il cambio GBP / USD è tornato al di sopra del valore di $ 1,25 e anche se c'è ancora molto pessimismo in giro c'è anche la sensazione che con un sacco di cattive notizie già viste ci possa essere un'ulteriore ripresa. A guidare le voci pessimistiche oggi è Sir Richard Branson con il capo di Virgin che avverte che la coppia GBP / USD cadrà in parità se c'è una Brexit dura.


Non sorprende che ci siano state molte previsioni di ulteriori declini in caso di un Brexit senza accordo, ma è necessario un calo del 20% affinché la coppia raggiunga $ 1 / £ 1 e questa sembra una previsione piuttosto estrema. Nonostante le sue promesse di una Brexit entro il 31 ottobre, sembra che ci siano ancora ostacoli significativi per il probabile primo ministro Boris Johnson, e di conseguenza questi scenari catastrofci per la sterlina sono ancora improbabili.
 

Affinché la coppia GBPUSD raggiunga la parità, il prezzo dovrebbe scendere del 20% rispetto ai livelli attuali - quasi esattamente la stessa diminuzione osservata dal giorno del referendum in alto al minimo successivo a 1,20. Fonte: xStation
 

 

Questo contenuto è stato creato da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA Questo servizio è fornito da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA (società per azioni X-Trade Brokers Brokerage House), con sede legale a Varsavia, Ogrodowa 58, 00 -876 Varsavia, Polonia, (numero di KRS 0000217580). X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A. svolge attività di intermediazione sulla base della licenza concessa dalla Securities and Exchange Commission polacca l'8 novembre 2005 n. DDM-M-4021-57-1 / 2005 ed è supervisionata dall'autorità di vigilanza polacca. Questo rapporto viene fornito solo a scopo informativo e di marketing. Qualsiasi opinione, analisi, prezzo o altro contenuto non costituisce un consiglio o una raccomandazione di investimento. Il contenuto rappresenta il punto di vista dei nostri esperti su base generica e non tiene conto delle circostanze personali dei singoli lettori, dell'esperienza di investimento o della situazione finanziaria attuale. I rendimenti passati o le previsioni future non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. XTB non accetterà alcuna responsabilità in caso di perdite o danni, inclusa, a titolo esemplificativo, qualsiasi perdita di beneficio, che potrebbe derivare direttamente o indirettamente dall'uso o dall'affidamento di tali informazioni.

Condividi:
Precedente