📊 Titolo della settimana - Robinhood

13:37 30 luglio 2021

📆 Robinhood debutta sul mercato azionario statunitense

 

  • Robinhood ha debuttato in borsa sul Nasdaq
  • Le azioni sono scese dell'8% durante la prima sessione di trading
  • L'azienda è diventata redditizia nel 2020
  • Titolo disponibile in xStation sotto HOOD.US

 

Questa settimana, i rapporti sugli utili delle principali società tecnologiche statunitensi hanno attirato l'attenzione degli investitori azionari. Tuttavia, c'è stato anche un altro evento a Wall Street che è stato seguito da vicino: il debutto di Robinhood (HOOD.US), una società statunitense che offre un'app per il trading al dettaglio. Tuttavia, il primo giorno di trading può essere visto come una grande delusione con le azioni della società che sono scese di oltre l'8% al di sotto del punto di riferimento.
 

Azienda che ha rivoluzionato il trading
Robinhood è un'azienda molto nota, soprattutto ai trader negli Stati Uniti, il suo mercato principale. La società è stata una delle prime ad offrire il trading di azioni senza commissioni agli investitori al dettaglio, dando loro anche accesso a un enorme mercato per le stock option. L'azienda è stata anche una delle prime ad offrire conti gratuiti e limiti di trading inferiori nel 2015. L'ambiente post-pandemia a basso tasso di interesse ha incoraggiato le persone a spostare i propri risparmi dai conti bancari al mercato azionario e Robinhood ha notevolmente beneficiato del numero di utenti attivi saltando sopra i 31 milioni.

Le vendite sono in aumento
Robinhood ha aumentato regolarmente la sua base di utenti e quindi ha aumentato le sue entrate. La società ha generato un fatturato annuo di $ 2,9 milioni nel 2015 ed è riuscita ad aumentarlo a $ 69 milioni entro la fine del 2018. Questa cifra è quadruplicata a $ 278 milioni nel 2019. La pandemia ha colpito il 2020 che ha portato a un grande salto di nuovi account, non sorprende che abbia portato a un altro enorme balzo delle vendite, a 959 milioni di euro. Il 2020 è stato anche l'anno in cui la società è diventata redditizia, registrando un utile netto di $ 7,4 milioni. Poiché la società non addebita commissioni sul trading di azioni e ETF, deve fare affidamento sul flusso degli ordini di vendita e sull'addebito di commissioni sulle opzioni come fonte di reddito e queste non sono al centro delle operazioni della società. Tuttavia, poiché Robinhood opera finora solo negli Stati Uniti, ha un enorme potenziale per l'espansione geografica e l'ulteriore aumento della sua base di clienti.

Debutto deludente
Mentre Robinhood come azienda e la sua app sono molto popolari, gli investitori non sembrano troppo convinti. Le azioni hanno debuttato sul Nasdaq giovedì 29 luglio ma è stato un debutto deludente. Il prezzo delle azioni è sceso di oltre l'8% al di sotto del punto di riferimento di $ 38 e ha terminato le negoziazioni a $ 34,82. Il prezzo dell'IPO di $ 38 è già stato nella fascia bassa delle aspettative del mercato. Il prezzo di $ 38 per azione ha valutato Robinhood a $ 31,7 miliardi. Robinhood ha registrato il calo più grande in termini percentuali rispetto alle IPO di altre società di dimensioni simili, come Pepsi o Uber.

Gli investitori possono trovare le azioni di classe A di Robinhood nella piattaforma di trading xStation sotto il ticker azionario - HOOD.US. Le azioni vengono negoziate durante il normale orario di negoziazione degli Stati Uniti (15:30 - 22:00)
Robinhood (HOOD.US) ha debuttato ieri a 38 dollari per azione. Il prezzo delle azioni ha persino testato il segno di $ 40 poco dopo l'inizio della sessione, ma gli umori hanno iniziato a deteriorarsi in seguito. Dopo un costante movimento al ribasso, le azioni hanno chiuso la sessione a 34,67$ e si sono attestate a 34,82$. Grafico di 1 minuto. Fonte: xStation5

Questo contenuto è stato creato da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA, con sede a Varsavia, Ogrodowa 58, 00-876 Varsavia, Polonia (KRS n. 0000217580) ed è supervisionato dall'autorità finanziaria polacca (KNM). M-4021-57-1 / 2005). Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A.non è responsabile per le azioni o le omissioni di alcun cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari, intraprese sulla base delle informazioni contenute nella presente comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri.

Condividi:
Precedente