Wall Street: Cosa aspettarsi dopo i nuovi massimi storici

13:24 7 novembre 2019

Gli indici azionari sono stati guidati recentemente dalle notizie commerciali. Una valanga di segnali secondo cui una sorta di patto commerciale parziale tra Stati Uniti e Cina potrebbe essere siglato presto ha portato a una forte ripresa. US500 ha guadagnato l'8% e US100 fino al 10% in un solo mese e ha raggiunto nuovi massimi storici. Cogliamo l'occasione per esaminare diversi grafici che descrivono l'indice azionario più importante del mondo.
Visione a lungo termine

I sostenitori del mercato rialzista sostengono che stiamo assistendo a una ripetizione del gigantesco mercato rialzista iniziato alla fine del 1982 e durato 18 anni, separato solo dal Black Monday del 1987. Se quel percorso fosse ripetuto, saremmo appena oltre la metà del ciclo sia in termini di intervallo che di tempo.
 

1 - crisi petrolifera, 2 - doppia recessione, 3 - Black Monday, 4 - crisi dot.com, 5 - crisi subprime, 6 - Stati Uniti declassati da S&P, 7 - intensificazione della guerra commerciale. Fonte: xStation5

Valutazione - prezzo / vendite a livelli elevati

Un altro argomento citato dai rialzisti è che i guadagni sono supportati dai guadagni. Ciò è vero in una certa misura: il P / E (prezzo agli utili) è al di sopra degli standard storici ma non ancora estremo e in effetti i mercati in cui mancava la crescita degli utili non sono riusciti a eguagliare il rally degli Stati Uniti. Talvolta si dice che i rapporti estremi tra S & P500 e PIL degli Stati Uniti siano sbagliati perché il PIL non riflette il successo dei titoli tecnologici dietro l'attuale rally. Da quel punto di vista, il P / S (prezzo alle vendite) dovrebbe essere molto più credibile, inoltre ogni contabile ti dirà che i ricavi sono molto più difficili da manipolare rispetto agli utili. Tali valutazioni sono ora estremamente elevate, quindi da quel punto di vista una continuazione di questo mercato rialzista richiederebbe una rapida crescita delle entrate - qualcosa che dipenderà dalle prestazioni economiche dell'economia globale.
 

Il rapporto prezzo / vendita mostra similitudini alla bolla dot.com. Fonte: Bloomberg, XTB Research

Consumatore forte - ma cosa significa?

Mentre il calo del 20 +% che l'S & P 500 ha visto alla fine del 2018 può sembrare significativo, in realtà è piuttosto minore rispetto al crollo del dot-com e alla crisi finanziaria globale. Non solo il calo dei prezzi è stato minore, ma non è stato accompagnato dal calo della fiducia dei consumatori. Tuttavia, un punto da notare è che la fiducia dei consumatori è cresciuta prima della crisi finanziaria globale e ora stiamo osservando un modello simile. Inoltre, dando un'occhiata ai livelli dell'indice di fiducia dei consumatori CB, si può vedere che i consumatori non erano così sicuri dopo la bolla dot-com. L'aspetto chiave è che i dati macro orientati al consumatore (sentimento, mercato del lavoro, spesa) non hanno storicamente fornito segnali di avvertimento affidabili per i titoli, quindi un "consumatore forte" al momento non può essere considerato come una garanzia.
 

I consumatori statunitensi non erano così sicuri dopo la bolla dot-com. Va notato che l'indice CB sta raggiungendo il plateau proprio come ha fatto prima della crisi finanziaria globale. Fonte: Bloomberg, XTB Research

La stagione degli utili invia segnali contrastanti
Oltre l'80% delle società S&P 500 ha già dichiarato i propri guadagni per il terzo trimestre dell'anno. Mentre i report tendono a battere le aspettative del mercato, la crescita degli utili a livello di indice è negativa. Le vendite delle società S&P 500 a livello di indice sono cresciute del 3,66% a / a nel terzo trimestre del 2019 mentre gli utili sono diminuiti dell'1,09% a / a in media. Tuttavia, quando diamo uno sguardo alla suddivisione fornita nella tabella seguente, possiamo vedere che 2 settori sono responsabili del declino complessivo dell'EPS: petrolio e gas e materiali di base. Da notare che la metà delle aziende che devono ancora segnalare appartengono a settori che hanno visto una crescita degli utili superiore al 5% (servizi al consumo, assistenza sanitaria, servizi di pubblica utilità), pertanto è ancora possibile per l'S & P 500 fermare una serie perdente e segnalare un crescita degli utili positiva a fine stagione. Da un lato, non abbiamo riscontrato un grave peggioramento degli utili. Dall'altro, gli utili sono leggermente in calo mentre l'indice è in rialzo di circa il 13% rispetto a un anno fa.
La crescita degli utili per S&P 500 è negativa, ma metà delle aziende che devono ancora segnalare appartengono a settori che hanno registrato una crescita elevata nel terzo trimestre del 2019: servizi al consumo, sanità e servizi pubblici. Fonte: Bloomberg
Sentimento del mercato alto ma non estremo

Si dice spesso che l'avidità e la paura dominino i mercati, soprattutto a breve e medio termine e questo potrebbe essere vero anche per gli indici statunitensi. L'atteggiamento estremo non è buono in quanto può portare a una brusca inversione. Quindi dove siamo adesso? I nostri indicatori basati su 5 misure di sentimento del mercato sono elevati, mostrando un forte ma non estremo ottimismo. Da notare che è stato estremo a gennaio 2018 - proprio in vista di un forte ribaltamento del mercato. Siamo a livelli non visti dall'inizio di aprile. In primavera sono state seguite le correzioni del mercato, ma solo a maggio - l'US500 è riuscita a salire fino ad aprile.
 

Alti ma non estremi: questi livelli di sentimento da soli non sono sufficienti per innescare una correzione del mercato. Fonte: Ricerca XTB

Situazione tecnica - D1
S&P 500 (US500) ha superato il massimo storico alla fine di ottobre e si trova in territorio inesplorato ora. Tuttavia, i ritracciamenti esterni di Fibonacci possono offrire un indizio sui potenziali livelli di resistenza da osservare. Il 161,8% del ritracciamento di Fibonacci della mossa al ribasso vista nella seconda metà di settembre suggerisce che i venditori potrebbero incombere in prossimità dell'handle di 3132 punti. Misurare il  ritracciamento per il ribasso di luglio-agosto suggerisce che il prossimo accampamento dei ribassisti potrebbe trovarsi a 3181 punti. Nel frattempo, la zona di breakout inferiore a 3030 punti è il supporto chiave da tenere d'occhio nel caso in cui gli acquirenti perdano il controllo del mercato.
Fonte: xStation5
Sommario

Quindi dove siamo? L'S & P500 sembra espansivo a lungo termine e il proseguimento del rally in quel lasso di tempo richiede una ripresa economica. A breve termine, i mercati sono ottimisti ma questo ottimismo non è ancora estremo e gli investitori devono seguire le notizie commerciali su base giornaliera. La regola "compra la voce, vendi le notizie" potrebbe funzionare di nuovo e la firma ufficiale dell'accordo Fase 1 tra Cina e Stati Uniti sarà un punto di non ritorno per i mercati?

Questo contenuto è stato creato da X-Trade Brokers Dom Maklerski SA, con sede a Varsavia, Ogrodowa 58, 00-876 Varsavia, Polonia (KRS n. 0000217580) ed è supervisionato dall'autorità finanziaria polacca (KNM). M-4021-57-1 / 2005). Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. X-Trade Brokers Dom Maklerski S.A.non è responsabile per le azioni o le omissioni di alcun cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari, intraprese sulla base delle informazioni contenute nella presente comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri.

Condividi:
Precedente