Walmart entra nel Metaverso con Roblox 🛒

13:07 27 settembre 2022

Il colosso statunitense della vendita al dettaglio Walmart (WMT.US) ha informato ieri gli investitori di un accordo con Roblox (RBLX.US) e dell'apertura di due esperienze immersive nello spazio virtuale del "metaverso". Le azioni di entrambe le società sono in rialzo prima della sessione:

  • Walmart ha affermato che la decisione di entrare a far parte del metaverso è guidata dalle tendenze tra le più giovani generazioni di clienti dell'azienda e ha evidenziato il ruolo della pandemia, che ha portato a una continua tendenza delle vendite nello spazio virtuale;
  • L'azienda vuole attirare l'attenzione della Generazione Z (nata dopo il 2010) sulla realtà virtuale e ritiene che attraverso la familiarizzazione del prodotto, i consumatori restituiranno il favore in futuro preferendo la rete di acquisto "incontrata presto";
  • Il mondo aperto di "Walmart Land" sarà supportato dall'attore Noah Schnapp, riconoscibile nella popolare serie Netflix "Stranger Things". Il mondo fornirà festival musicali virtuali, con artisti famosi e prodotti virtuali, rispecchiando i prodotti disponibili nei veri negozi WalMart e pubblicizzati da famosi influencer. Il secondo mondo "Universe of Play" fornirà una piattaforma per i giocatori più giovani, con personaggi ed eroi delle "vacanze" di punta di WalMart e prodotti di intrattenimento;
  • Roblox è stato scelto per la "quantità di tempo record" trascorsa nella piattaforma dai giocatori. Roblox ha creato il gioco con lo stesso nome nel 2004 e, nonostante la sua grafica obsoleta, attrae ancora milioni di giocatori. I numeri di Roblox finora possono essere sognati da Meta Platforms o Epic Games. La piattaforma riceve una media di oltre 40 milioni di giocatori al giorno. In confronto, Horizon Worlds (Meta Platforms) attrae numeri che si aggirano in media intorno a 300.000 giocatori al giorno;
  • L'IPO di Roblox nel 2021 ha valutato la società a quasi $ 45 miliardi, con il titolo che ha perso oltre il 60% dall'inizio dell'anno principalmente a causa del settore pubblicitario in perdita

Il titolo Walmart (WMT.US) W1. Il titolo si è mosso per molti anni in una tendenza laterale stabile, da cui ha iniziato a salire nel 2012. Guardando più in generale, lungo il percorso si sono verificate vendite dinamiche simili a quelle osservate nel 2022 durante le quali il titolo ha perso tra 25 e 40 % (2002, 2007, 2014, 2017, 2021, 2019). La più grande svendita si è verificata nel periodo 2014-2015, quando il titolo è sceso da $ 88 a quasi $ 57 per azione, e che ha coinciso con il cosiddetto "death cross", ovvero l'intersezione della media di 200 sessioni dall'alto con la media di 50 giorni. Di norma, questo tipo di intersezione spesso preannuncia un sentimento indebolito e avviene vicino a un prezzo minimo. Attualmente, guardando le medie, possiamo presumere che se il trend dei prezzi continua, ci sarà un'intersezione delle medie, il che indicherebbe ulteriore spazio per il calo, tuttavia, il sentiment attorno al titolo WalMart potrebbe ancora migliorare. Ad oggi, l'azienda, che è uno dei maggiori rivenditori negli Stati Uniti, so trova a circa il 20% dal massimo. Probabilmente il fattore più importante per l'ulteriore movimento dei prezzi, tuttavia, saranno i risultati finanziari del terzo trimestre dell'azienda, che verranno presentati il 15 novembre. Non è ancora chiaro se l'inflazione elevata negli Stati Uniti influenzerà seriamente un calo delle vendite e profitti. Fonte: xStation5

Inizia ad investire oggi o prova un conto demo senza rischi

Registrati per un conto reale PROVA UNA DEMO Scarica la app mobile Scarica la app mobile

Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. XTB S.A. non è responsabile per eventuali azioni o omissioni del cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari. XTB non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi perdita o danno, anche senza limitazione, eventuali perdite, che possono insorgere direttamente o indirettamente, intrapresa sulla base delle informazioni contenute in questa comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri. Le prestazioni passate non sono necessariamente indicative dei risultati futuri, e chiunque agisca su queste informazioni lo fa interamente a proprio rischio.

Condividi:
Precedente