I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 80% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 80% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

S&P 500 - Come iniziare a fare trading sull'S&P 500?

Argomenti correlati:
Tempo di lettura: 14 minute(s)
L'indice S&P 500 è riconosciuto come la misura primaria dello sviluppo dell'economia e del sentimento del mercato statunitense. L'indice è seguito da analisti di tutto il mondo.

L'indice S&P 500 è riconosciuto come la misura primaria dello sviluppo dell'economia e del sentimento del mercato statunitense. L'indice è seguito da analisti di tutto il mondo.

L'indice Standard and Poor's 500 è riconosciuto come una delle misure chiave della forza dell'economia statunitense. L'indice ha un rendimento medio annuo di quasi il 14% che incoraggia molti investitori. L'investimento nell'S&P 500 è considerato un'espressione di fiducia nell'economia e nel successo americani.

Uno degli investitori più famosi che hanno fatto fortuna con l'S&P 500 è Warren Buffet, che iniziò a investire nel business americano negli anni '60 acquistando un fondo di nuova creazione che seguiva il comportamento delle azioni di 500 grandi società americane. Buffet ha sostenuto la sua decisione credendo nella "forza" e nella "crescita" dell'economia americana come quella con più capitale e il cosiddetto "smart money". Il mercato azionario, però, è accompagnato da emozioni e anche l'indice sperimenta volatilità. Questo è il motivo per cui i derivati ​​finanziari come i future basati sul prezzo dell'S&P 500 sono diventati popolari nel corso degli anni.

In questo articolo descriveremo cos'è effettivamente l'indice S&P 500, come è costruito e come iniziare a fare trading e investire su di esso.

Cos'è l'indice S&P 500?

L'indice S&P 500 è un indice che replica la capitalizzazione di mercato di 500 società costituenti misurando il valore delle loro azioni ammesse alla negoziazione pubblica (flottante). L'indice come lo conosciamo oggi è stato creato nel 1957, sebbene il lavoro per creare tale indice sia continuato.

La capitalizzazione di mercato di ciascuna società è calcolata moltiplicando il numero di azioni per il prezzo corrente dell'azione. Se una società ha 5 milioni di azioni attualmente detenute dagli azionisti e il prezzo corrente delle azioni è di $ 400, la capitalizzazione di mercato (o valore) della società è di $ 2 miliardi. In poche parole, il valore dell'azienda è di $ 2 milioni. Se aggiungiamo la capitalizzazione di mercato di tutte le società quotate nell'indice, otteniamo il valore totale dell'indice.

Tuttavia, va tenuto conto del fatto che ciascuna società nell'SP500 ha un proprio peso specifico, ottenuto dividendo la capitalizzazione di mercato individuale della società per la capitalizzazione di mercato totale dell'S&P 500. Pertanto, sono le società più grandi ad avere la maggiore influenza sul valore e sulla quotazione dell'indice.

Indice S&P 500 aziende del settore:

  • Informatica: ca. 28%
  • Assistenza sanitaria: ca. 13%
  • Consumatore discrezionale: ca. 13%
  • Dati finanziari: ca. 11,0%
  • Servizi di comunicazione: ca. 11%
  • Industriali: ca. 8%
  • Beni di prima necessità: ca. 5,5%
  • Energia: ca. 3%
  • Immobile: ca. 2,5%
  • Materiali: ca. 2,5%
  • Utenze: ca. 2,5%

Origini dell'S&P 500

La storia dell'indice iniziò con Henry Varnum Poor, che fondò la Poor's Publishing nel 1860 e pubblicò una guida per gli investitori all'industria ferroviaria, che all'epoca rappresentava un'innovazione (un noto caso di bolla speculativa sulle compagnie ferroviarie). Nel 1923, la Standard Statistics Company iniziò a valutare le obbligazioni ipotecarie e creò un indice che includeva 233 società statunitensi ed era calcolato settimanalmente. La società 3 anni dopo sviluppò un indice di 90 società e iniziò a introdurre quotazioni giornaliere. Nel 1941 la Poor's Publishing subì una fusione con la Standard Statistics - venne costituita la Standard & Poor's, conosciuta oggi con il suo acronimo S&P.

Lunedì 4 marzo 1957, l'indice è stato ampliato per replicare la performance di 500 grandi società statunitensi. Il nome è stato cambiato in S&P 500 Stock Composite Index. Società come AT&T, General Motors, Exxon Mobil, US Steel, General Electric e Ford Motor rappresentavano la forza dell'indice in quel momento

Come funziona l'S&P 500?

Come altri indici gestiti da Standard and Poor's, i componenti dell'indice S&P 500 sono selezionati da un apposito comitato secondo regole stabilite.

Il comitato utilizza 8 criteri di base per valutare il valore di un'azienda: capitalizzazione di mercato, liquidità, domicilio, flottante pubblico, Global Industry Classification Standard (GICS) e rappresentazione delle industrie nell'economia statunitense, redditività, durata della quotazione in borsa, e il consiglio di amministrazione della società deve essere pubblico.

Requisiti specifici sono:

  • Capitalizzazione di mercato maggiore o uguale a 13,1 miliardi di dollari.
  • Valore annuo in dollari scambiato rispetto alla capitalizzazione di mercato rettificato per il numero di azioni duplicate maggiore di 1,0
  • Volume minimo di scambi mensili di 250.000 azioni in ciascuno dei sei mesi precedenti la data della decisione del comitato.
  • Quotata al New York Stock Exchange NYSE o NASDAQ
  • L'azienda dovrebbe essere di origine statunitense.
  • Non sono ammissibili all'indice: società in accomandita semplice, società in accomandita semplice, unità di fondi di investimento, emissioni di bacheche OTC, fondi chiusi, ETF, ETN, fondi di royalty, azioni di monitoraggio, azioni privilegiate, fondi di partecipazione, warrant su azioni, obbligazioni convertibili, fondi di investimento, certificati di deposito americani e azioni di deposito americane.
  • A partire dal 2017, le società con due o più classi di azioni non vengono aggiunte all'indice (le società attualmente quotate con due classi includono Berkshire Hathaway e Alphabet).
  • L'indice viene ricostruito trimestralmente per rimanere un indicatore affidabile della crescita dell'economia statunitense

Posizione lunga su US500

Una posizione lunga "BUY" è particolarmente popolare quando il mercato è di buon umore e gli investitori si sentono al sicuro, o quando si verificano circostanze esterne che possono riportare un sentimento positivo nel mercato. Questo è quando un rimbalzo può essere particolarmente dinamico.

In una situazione del genere, se assumiamo che l'economia statunitense possa sperimentare un miglioramento del sentiment degli investitori a seguito di qualche evento economico o politico, potremmo assumere una posizione lunga sull'US500. Di solito gli investitori amanti del rischio tornano molto rapidamente ai loro investimenti non appena c'è un sentimento positivo per il mercato. Il mercato azionario statunitense ha dimostrato più e più volte di potersi riprendere anche dai maggiori sconvolgimenti. Ecco perché gli acquirenti sono così veloci ad apparire su di esso.

Se il sentiment del mercato migliora effettivamente, la tua previsione sarà corretta e realizzerai un profitto scommettendo sull'aumento di US500. Al contrario, se dovessi prendere una posizione lunga e il mercato temesse un calo, la tua posizione subirebbe una perdita.

Posizione corta su US500

Una posizione corta "SELL" è particolarmente popolare quando c'è paura e incertezza nel mercato o quando ci sono circostanze esterne che potrebbero far tornare il sentimento negativo.

In una situazione del genere, se si presume che l'economia possa subire un forte deterioramento del sentiment degli investitori a seguito di un annuncio economico o politico, è possibile prendere una posizione corta sull'US500. Puoi anche prendere una posizione corta se ritieni che le condizioni dell'economia statunitense si deterioreranno nel breve termine. In questo modo puoi mettere in atto strategie di trading per eventi mondiali specifici che possono aumentare la volatilità dei prezzi delle azioni e, in definitiva, degli indici.

Se la paura è davvero presente nel mercato, la tua previsione sarà corretta e realizzerai un profitto scommettendo sul calo del prezzo di US500. Al contrario, se prendi una posizione corta e il mercato sale, è probabile che la tua posizione registrerà una perdita.

Il momento migliore per iniziare a fare trading sull'S&P 500

Trading di S&P 500

Il prezzo dell'indice S&P 500 tende a fare movimenti relativamente non molto ampi rispetto al NASDAQ. Queste sono per lo più note, grandi aziende come Berkshire Hathway o Microsoft, quindi la volatilità non è molto alta. Ma nei periodi di panico o in situazioni instabili nel mondo, gli investitori di solito abbandonano le attività rischiose per un po' di tempo e si rivolgono a investimenti più stabili come oro o contanti. Quindi anche gli indici di rifugio sicuro come l'S&P500 possono avere grandi vendite del 10 percento o più. La crescita è più calma del selloff. Quando l'indice cresce e l'economia è buona, i prezzi crescono costantemente. Ciò può essere attribuito a fattori macroeconomici che stanno inducendo gli investitori a tornare agli investimenti.

L'indice Standard & Poor's è quotato per le società più grandi e trasparenti che forniscono prodotti e soluzioni importanti per paesi di tutto il mondo come le più grandi banche (es. JP Morgan, Bank of America, Citi Group, BB&T, Bank of New York Mellon o Goldman Sachs), produttori (es. Coca-Cola Company, Pfizer, Johnson & Johnson, Procter & Gamble) o anche società tecnologiche (es. Microsoft, Apple, AT&T, Visa, Nvidia).

Grafico di trading di S&P 500La performance passata non è necessariamente indicativa di risultati futuri e chiunque agisca sulla base di queste informazioni lo fa interamente a proprio rischio.

L'indice SP500 tende a salire quando i tassi di interesse rimangono bassi. Un'ampia percentuale di investitori cerca quindi rendimenti gratificanti in un mercato azionario rischioso. Il mercato azionario di solito reagisce nervosamente alla notizia di un aumento dei tassi di interesse da parte della Fed.

Nonostante la maggiore volatilità e rischio, il NASDAQ di solito offre rendimenti più elevati anche rispetto all'indice S&P 500. Pertanto, si può affermare che alcuni trader NASDAQ accettano una maggiore volatilità a scapito di rendimenti potenzialmente più elevati.

È sicuramente un buon momento per interessarsi al trading dell'indice SP500 durante i periodi di panico, che causano un forte sell-off. Le aziende americane si riprendono rapidamente dopo le situazioni di panico. Un gran numero di investitori contrari in cerca di un'inversione di tendenza può assumere importanti posizioni long "BUY" in previsione di un rimbalzo del prezzo. Allo stesso modo, in caso di euforia quando l'indice è ai massimi storici, i trader avversi al rischio potrebbero cercare un periodo di debolezza nei mercati globali per prendere posizioni corte "SELL" sull'SP&P500, scommettendo sui ribassi.

I momenti interessanti per iniziare a fare trading sull'S&P 500 sono quando le più grandi società dell'indice pubblicano i loro risultati finanziari trimestrali o dell'intero anno, nonché eventi mondiali che possono causare un'elevata volatilità, come riunioni della FED, importanti riunioni politiche o varie crisi militari.

Come iniziare a fare trading sull'S&P 500 (US500)? 

Trading di 500 USDIl trading S&P 500 è disponibile nella nostra piattaforma di trading xStation e puoi iniziare a investire nelle più grandi società americane stipulando transazioni CFD (contratto per differenze) sullo strumento US500 e utilizzare tutto il potenziale di leva finanziaria.

Negoziando US500 puoi trarre vantaggio dalla volatilità del mercato e aprire posizioni durante movimenti di prezzo molto rapidi. La leva è molto rischiosa, ma ovviamente può moltiplicare i profitti di un day trader. Il trading di US500 è dedicato ai trader attivi che non hanno problemi con la volatilità del mercato.

Grazie alla leva 1:20, ti servirà solo un margine del 5% per aprire una posizione. Usando 1000 USD aprirai una posizione che vale 20 000 USD. A causa degli strumenti CFD con leva finanziaria, anche le entrate potenziali della posizione possono essere elevate, ma anche la perdita potenziale è probabilmente maggiore di conseguenza. Il trading di CFD su US500 offre ai trader l'opportunità di aprire posizioni corte e lunghe. Le posizioni corte offrono ai trader l'opportunità di realizzare profitti quando i prezzi delle emissioni scendono.

Se vuoi saperne di più sui CFD e sulla leva finanziaria, puoi leggere le informazioni qui

Le uniche commissioni sostenute per tale negoziazione sono lo spread (differenza tra il prezzo di acquisto ASK e il prezzo di vendita BID) e i punti swap. Lo spread è molto piccolo e costa centesimi a seconda delle dimensioni della tua posizione. I punti swap sono i costi sostenuti dal broker per finanziare posizioni con leva; gli swap vengono addebitati giornalmente sulla posizione aperta sullo strumento US500.

Negoziando contratti di emissione puoi trarre vantaggio dalla volatilità del mercato e aprire posizioni durante movimenti di prezzo molto rapidi. La leva è uno strumento ad alto rischio e può verificarsi perdite, ma può moltiplicare i profitti di un trader giornaliero.

Il trading di US500 è speculativo e per i trader attivi solo le fluttuazioni dei prezzi contano su questo strumento. Questo tipo di contratto è un accordo finanziario che paga la differenza di prezzo di regolamento tra transazione aperta e chiusa senza alcuna consegna fisica dello strumento negoziato.

Il trading online ti consente di iniziare a fare trading sull'S&P 500 senza uscire di casa, con zero commissioni e spread bassi. Anche a causa dell'elevata liquidità dell'S&P 500 puoi chiudere la tua posizione con un clic del mouse in qualsiasi momento quando il mercato è aperto. Questo è il motivo per cui il trading di contratti online ha così tanti vantaggi ed è ora sempre più popolare.

Investire nell'S&P 500 

Il trading con la leva sugli indici comporta ovviamente un rischio elevato, ma posizioni ben assunte possono dare rendimenti molto elevati su tale investimento. Le aziende che debuttano sull'S&P 500 vedono spesso aumenti perché i fondi comuni di investimento che replicano l'indice sono tenuti ad acquistare le loro azioni.

Per gli investitori poco attivi e che preferiscono solo investimenti passivi nelle 500 maggiori società americane offriamo anche ETF che danno esposizione all'indice S&P 500 come:

  • ETF ad accumulazione iShares Core S&P 500 CSPX.UK
  • ETF a distribuzione iShares IDUS.UK (dividendo)
  • SPDR S&P 500 ETF SPY5.UK
  • Beta ETF S&P 500 ETFBSPXPL.PL

Puoi anche investire in ETF su rami specifici dell'S&P 500 come:

  • Settore della comunicazione ETF S&P 500 iShares IUCM.UK
  • ETF di consumo discrezionale S&P 500 iShares IUCD.UK
  • Settore energetico S&P 500 ETF iShares IUES.UK
  • Settore finanziario S&P 500 ETF iShares IUFS.UK
  • Settore informatico S&P 500 ETF iShares QDVE.DE
  • ETF sui servizi di pubblica utilità S&P 500 iShares IUUS.UK ETF

Puoi leggere ulteriori informazioni sull'investimento in ETF qui

Offriamo anche azioni di società quotate sull'S&P 500 tra cui Apple AAPL.US, Microsoft MSFT.US, Amazon AMZN.US o Berkshire Hathaway BRKA.US e molte altre società tecnologiche.

Prezzo dell'indice S&P 500 (US500)

L'S&P 500 è ben noto come uno strumento molto volatile e il prezzo può fare grandi mosse in qualsiasi momento. Ecco perché tenere traccia della quotazione dell'S&P 500 è molto importante per i trader. In xStation, forniamo quotazioni in tempo reale per contratti futuri su S&P 500 offrendo lo strumento US500.

S&P500 (US500) Orario di trading

denaro e orologioChe dire degli orari di trading S&P 500 (US500) disponibili? Questa informazione è particolarmente importante per i day trader. Il trading di US500 è disponibile 4 giorni alla settimana dalle 00:05 CET alle 23:00 CET con una breve pausa tra le 22:15 CET e le 22:30 CET dal lunedì al giovedì e dalle 00:05 CET alle 22:00 CET - il Venerdì. Il trading di US500 non è disponibile durante i fine settimana sulla nostra piattaforma. Il prezzo di US500 è statico quando il mercato è chiuso. In tutti gli altri momenti i prezzi sono costantemente fluttuanti.

Ovviamente il momento migliore per iniziare a fare trading attivo sull'S&P 500 è durante i periodi di volatilità molto elevata, quando gli investitori provano emozioni estreme e un volume elevato entra nel mercato. Quando la paura o l'avidità sono nel mercato, il volume dell'indice aumenta. Questa situazione è una grande opportunità per i trader attivi e inclini al rischio, che utilizzano la leva per ottenere grandi profitti su posizioni lunghe ma anche corte.

La crescente paura potrebbe essere influenzata dalla pubblicazione di notizie politiche o macroeconomiche negative. L'S&P 500 non è uno strumento molto volatile, ma la leva rende il trading più rischioso e più volatile. L'indice è composto da 500 grandi società americane. Le azioni di queste società di solito non sono molto volatili a causa della loro elevata capitalizzazione di mercato, posizione di mercato e valore fondamentale. Ma quando aumenta la paura del mercato azionario, anche le grandi aziende iniziano a cadere. Questo accade di solito perché il mercato azionario in generale è un investimento rischioso. In momenti di crisi gli investitori chiudono posizioni su asset rischiosi. Questi fattori possono creare una sensazione di paura negli investitori, e questo è sempre un segno di grandi mosse nell'economia americana. Ma anche i movimenti al rialzo dei prezzi di mercato possono essere altrettanto dinamici quando gli investitori ritengono che l'economia si stia stabilizzando; sentendosi al sicuro tornano a fare investimenti rischiosi e le grandi aziende a comprare con affare.

 

Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell'Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell'ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all'autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un'offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all'acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. XTB S.A. non è responsabile per eventuali azioni o omissioni del cliente, in particolare per l'acquisizione o la cessione di strumenti finanziari. XTB non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi perdita o danno, anche senza limitazione, eventuali perdite, che possono insorgere direttamente o indirettamente, intrapresa sulla base delle informazioni contenute in questa comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri. Le prestazioni passate non sono necessariamente indicative dei risultati futuri, e chiunque agisca su queste informazioni lo fa interamente a proprio rischio.